Portafogli Bitcoin per principianti: tutto ciò che c'è da sapere

A Mobile Bitcoin wallet and a Hardware Bitcoin Wallet on a table

Perché possedere un portafoglio Bitcoin

I Bitcoin, a differenza delle monete tradizionali, esistono solo in forma digitale. Il modo di approcciarsi a questo tipo di valuta è di conseguenza radicalmente diverso, soprattutto quando si parla di acquistarla e conservarla. Non avendo alcun tipo di controparte fisica, tecnicamente non è possibile conservare le criptovalute. Ad essere custodite in maniera sicura devono essere le chiavi private, usate per accedere al proprio indirizzo pubblico Bitcoin e per firmare le transazioni, rese possibili dalla combinazione della chiave pubblica del destinatario e della propria chiave privata.

Esistono diverse forme di portafogli Bitcoin, ognuno delle quali soddisfa le diverse necessità dei clienti e varia in termini di sicurezza, convenienza, accessibilità e altro.

Tipologie di portafoglio

Carta

I portafogli di carta sono totalmente immuni agli attacchi hacker

Un portafoglio di carta è essenzialmente un documento contenente un indirizzo pubblico, utilizzato per ricevere Bitcoin, ed una chiave, la quale permette di spendere o trasferire i Bitcoin conservati in quell’indirizzo. Viene spesso stampato in forma di QR-code in modo da poterlo facilmente scansionare e aggiungere le chiavi a un portafoglio software per effettuare una transazione. I portafogli di carta possono essere generati tramite servizi come BitAddress o Bitcoinpaperwallet che permettono agli utenti di generare un indirizzo Bitcoin completamente casuale ed una chiave privata da collegarvi. Il documento generato può poi essere stampato grazie a servizi che offrono design a prova di manomissione o persino la possibilità di ordinare etichette olografiche; dopodiché è subito pronto all’uso.

Il vantaggio principale dei portafogli di carta è che le chiavi non vengono conservate in digitale, rendendoli completamente immune ad attacchi hacker, a malware che registrano ciò che viene digitato dall’utente e a praticamente qualsiasi forma di furto informatico. Per poter usare un portafoglio cartaceo in sicurezza sono comunque necessarie alcune precauzioni. Ovviamente, prima di generare un portafoglio di carta bisogna assicurarsi di non essere visti. Per escludere rischi di spyware che monitorano le proprie attività, è consigliabile usare un sistema operativo pulito, come ad esempio Ubuntu, avviato da chiavetta USB o DVD. Inoltre, una volta che il portafoglio è configurato, il codice web dovrebbe essere eseguito offline, scollegandosi dunque da Internet prima di generare effettivamente le chiavi. Infine, occorre usare una stampante non collegata alla rete.

È importante comprendere che si stanno stampando importanti informazioni riservate su un foglio di carta, e occorre dunque prendere certe precauzioni per proteggerle. Ad esempio, è consigliabile conservarlo all’interno di una pellicola di plastica per proteggerlo da acqua, umidità, strappi e usura; alcune persone preferiscono persino laminarlo e inserirlo in casseforti o cassette di sicurezza, mentre altri lo affidano a un notaio.

Bitcoin fisico

Il Bitcoin fisico è recentemente divenuto un costoso pezzo da collezione

Il Bitcoin fisico è solitamente pre-caricato con una quantità fissa di BTC, e l’idea di base del suo funzionamento è che il valore contenuto all’interno non possa essere sfruttato finché la sua chiave privata rimane nascosta. Normalmente questo obiettivo viene raggiunto tramite implementazione di un sigillo non manomissibile.

Il primo esempio del suo genere, Bitbill, venne creato a forma di carta di credito, ma molte alternative successive presero la forma di medaglia circolare. Nel 2011 Mike Cadwell, un appassionato di criptovalute soprannominato ‘Casascius’, creò il suo primo Bitcoin fisico: il popolare Casascius appunto. In quel caso le chiavi private erano nascoste sotto una pellicola rimovibile che avrebbe rivelato eventuali segni di manomissioni. Una volta accreditata, la moneta avrebbe perso il suo valore digitale. Da allora si sono susseguiti diversi coniatori.

I Bitcoin fisici costituiscono un metodo molto conveniente per depositare i propri fondi in sicurezza e possono rivelarsi estremamente utili per le transazioni offline. Come se non bastasse, sono recentemente divenuti un costoso pezzo da collezione. Non va tuttavia sottovalutato il loro principale svantaggio: nel novembre del 2013, infatti, il Financial Crimes Enforcement Network impose a Mike Cadwell di cessare le operazioni in quanto il suo lavoro era considerato un servizio di trasferimento denaro. Le regolamentazioni per un’attività del genere sarebbero state fin troppo onerose, Cadwell fu dunque costretto a terminare le vendite di oggetti contenenti Bitcoin digitali. Essendo il BTC ancora una zona grigia per la legislazione di molti Paesi, tali oggetti potrebbero addirittura essere considerati moneta falsa dalle autorità.

Mobile

Il portafoglio mobile è particolarmente vulnerabile agli attacchi hacker

Per coloro che utilizzano abitualmente Bitcoin, pagando beni in negozi o scambiandoli di presenza, un portafoglio BTC mobile è uno strumento essenziale. Viene eseguito come app per smartphone, conservando le chiavi private e permettendo di pagare direttamente da cellulare. Per di più, alcune app permettono agli utenti di sfruttare la tecnologia di comunicazione in prossimità (NFC) dei loro smartphone: ciò significa che per seguire acquisti possono semplicemente avvicinare il cellulare al lettore senza dover direttamente fornire alcun tipo di informazione.

Un qualsiasi client di Bitcoin completo richiede accesso all’intero registro delle transazioni della Blockchain, il quale è costantemente in crescita e richiede diversi gigabyte di capienza in memoria. Per questo motivo, i portafogli mobile sfruttano la tecnologia di verifica semplificata di pagamento (SPV), ovvero lavorano solo con piccoli sottoinsiemi della Blockchain, affidandosi a nodi sicuri della rete Bitcoin per confermare l’acquisizione delle informazioni corrette.

Sebbene siano una soluzione veloce e conveniente per depositare Bitcoin, i portafogli mobile sono molto suscettibili agli attacchi hacker: basta infatti accedere in maniera diretta al dispositivo per ottenere totale controllo sul denaro altrui. Esiste una grande varietà di applicazioni per portafogli Bitcoin per dispositivi Android; Apple ha invece bandito i portafogli Bitcoin dall’AppStore nel febbraio 2014, per poi tornare sui suoi passi alcuni mesi dopo.

Nome

Sistema operativo

Caratteristiche

Airbitz

iOS, Android

Dimostrazione a conoscenza zero; accesso singolo; autenticazione one-touch a due fattori

Bitcoin Wallet

iOS, Android

Gerarchia deterministica; capace di localizzare venditori di Bitcoin vicino alla propria area; software open source

Copay

iOS, Android, Windows Mobile

Possibilità di aggiungere più utenti, così che l’intero gruppo debba approvare una transazione; software open source

FreeWallet

iOS, Android

Cold storage; preleva da e verso qualsiasi criptovaluta

Jaxx

iOS, Android

Cold storage; nessuna autenticazione richiesta

Mycelium

iOS, Android

Сold storage; gerarchia deterministica; software open source

Web

I portafogli web permettono accesso ai fondi da qualsiasi dispositivo collegato alla rete

I portafogli web conservano le chiavi private su un server di proprietà della compagnia che fornisce il servizio, sempre online e controllato da terzi. È possibile eseguire diverse azioni a seconda del servizio, tra le quali la possibilità di collegare portafoglio mobile e desktop replicando il proprio indirizzo all’interno dei dispositivi posseduti.

Similmente ai portafogli mobile, i portafogli web permettono agli utenti di accedere ai fondi facilmente da qualsiasi dispositivo connesso a Internet. Tuttavia, in caso di cattiva implementazione, le organizzazioni proprietarie del sito potrebbero accedere alle chiavi private, ottenendo il controllo totale del deposito. Alcuni portafogli operano inoltre all’interno di exchange: abbiamo assistito in passato a siti che hanno interrotto improvvisamente il servizio e sono spariti con i soldi degli utenti.

Servizio

Caratteristiche

Coinbase

Soluzione completa, un exchange integrato con portafoglio

Circle

Gli utenti possono depositare, inviare, ricevere e comprare Bitcoin

Blockchain

Uno dei portafogli web-based più popolari

Strongcoin

Offre un portafoglio ibrido, che permette di criptare le chiavi degli indirizzi prima di inviarli ai suoi server

Xapo

Un semplice portafoglio Bitcoin, con in più la protezione offerta da una camera di sicurezza cold-storage

Desktop

Il portafoglio desktop è più sicuro dei portafogli online e mobile

I portafogli desktop vengono scaricati e installati sul computer personale, conservando le chiavi private all’interno del disco fisso. Per propria natura, sono più sicuri dei portafogli online e mobile, in quanto sono più difficili da rubare e non necessitano di terze parti per l’archiviazione dei dati. Non bisogna dimenticare che rimangono comunque collegati a internet, il che li rende intrinsecamente insicuri. I portafogli desktop sono un’ottima soluzione per coloro che trasferiscono piccole quantità di Bitcoin direttamente dai loro computer.

Esiste una grande varietà di portafogli desktop, volta a soddisfare i diversi bisogni degli utenti. Alcuni si concentrano sulla sicurezza, altri sull’anonimato e così via.

Nome

Sistema operativo

Caratteristiche

Electrum

Mac OS, Windows, Linux

Uno dei portafogli desktop più popolari, robusti, efficaci e sicuri; open source; permette di modificare una commissione di transazione su uno scambio già avviato, velocizzando il processo di conferma; conferma di validità degli indirizzi; criptato

Exodus

Mac OS, Windows, Linux

Portafoglio affidabile e molto semplice da usare

Bitcoin Core

Mac OS, Windows, Linux

Portafoglio full-node, ovvero occorre scaricare l’intera Blockchain per poterlo utilizzare. Permette di verificare le transazioni in maniera indipendente, senza dover fare affidamento su servizi di terze parti.

Copay

Mac OS, Windows, Linux

Portafoglio multi firma; mobile e desktop; open source

Armory

Mac OS, Windows, Linux, Ubuntu, RaspberriPi

Concentrato sulla sicurezza; comprende diverse opzioni di crittografia e cold-storage

Hardware

Il portafoglio hardware è il metodo più sicuro per conservare qualsiasi quantità di Bitcoin

Un portafoglio hardware è un portafoglio Bitcoin piuttosto peculiare che conserva le chiavi private dell’utente in un dispositivo hardware protetto. È il metodo più sicuro per conservare qualsiasi quantità di Bitcoin, e ad oggi non ci sono stati incidenti verificati di denaro rubato da tali dispositivi. Diversamente dai portafogli cartacei, i quali prima o poi devono essere importati a software, i portafogli hardware possono essere usati in sicurezza e in maniera interattiva. Sono immuni a virus, i fondi depositati non possono essere trasferiti in chiaro all’esterno del dispositivo e nella maggior parte dei casi il software è open source.

Alcuni portafogli hardware possiedono anche degli schermi, integrando un ulteriore livello di sicurezza, in quanto possono essere usati per mostrare e verificare importanti dettagli riguardanti il portafoglio. Ad esempio, lo schermo può essere utilizzato per generare una frase di recovery, oppure per confermare quantità e indirizzo dei pagamenti che si desidera effettuare. Quindi, finché si investe in un dispositivo autentico prodotto da un’azienda competente, affidabile e che in generale gode di buona reputazione, i fondi saranno sempre al sicuro.

Nome

Prezzo

Caratteristiche

Ledger Nano S

58 €

Schermo; due pulsanti che devono essere premuti simultaneamente per confermare una transazione, in modo da prevenire la conferma di un pagamento da parte di hacker; codice PIN; confezione spedita con sigillo anti-manomissione

TREZOR

$99

Schermo; due pulsanti; permette di eseguire un backup protetto da 24 parole + frase segreta; codice PIN

KeepKey

$99

Schermo digitale e corpo metallico; codice PIN; randomizzazione numerica; permette di eseguire un backup protetto da 24 parole; recovery possibile tramite estensione di Chrome

Ledger HW.1

$17

Nessuno schermo, deve quindi essere configurato su USB o computer offline; permette di eseguire un backup protetto da 24 parole; codice PIN; scheda di sicurezza che fornisce un’ulteriore autenticazione a due fattori

Banca

Rainer Michael Preiss, direttore esecutivo di Taurus Wealth Advisors, ha recentemente dichiarato che tutte le grandi banche statunitensi temono Blockchain, Bitcoin e le altre criptovalute. Ha anche accennato che a causa dell’incertezza generale data dalla mancanza di trasparenza delle banche, le criptovalute rappresentano per gli investitori una conveniente alternativa (CNBC). In effetti è vero, la maggior parte delle banche non accetta Bitcoin come valuta, e alcune di loro si rifiutano persino di gestire fondi ottenuti tramite operazioni con criptovalute.

Alla luce della riluttanza delle banche ad accettare Bitcoin come moneta, è stata recentemente fondata una Bitcoin Crypto Bank. Prima nel suo genere, appartiene ad un’azienda che opera nel mercato di scambio Bitcoin, la quale accetta e gestisce depositi di criptovaluta, assicurando di conoscere il mercato in maniera approfondita. All’interno del suo sito afferma di essere una piattaforma di investimento certificata, sicura e priva di rischi, con alte probabilità di generare enormi profitti.

Portafogli Bitcoin e sicurezza

Possibili problemi

  • Prendere un virus o altri software malevoli che possono scansionare il disco e trovare le chiavi private. Se ciò dovesse accadere, tutti i Bitcoin verrebbero trasferiti in una manciata di secondi.
  • Un trojan può criptare tutti i file dell’hard disk. Dopodiché, potrebbe trovare tutti i collegamenti ai portafogli, analizzare quanti soldi possiede l’utente e richiedere quell’esatta cifra in Bitcoin per decriptare l’hard drive.
  • Un exchange virtuale può fuggire con i vostri soldi.
  • Si può perdere il proprio laptop o il cellulare con i portafogli installati all’interno.

Consigli

  • Evitare di usare portafogli che richiedono accesso a Internet per funzionare; usare opzioni di cold-storage..
  • Essere sempre cauti e ricontrollare ogni operazione. Ad esempio, si potrebbe ricevere una mail simile a quelle inviate da BlockWallet, ma in realtà è stata spedita BlokcWallet. Una volta autorizzata la transazione, i Bitcoin spariscono per sempre.