Bitcoin, Ripple, Ethereum, Stellar, EOS, Litecoin, Cardano, Monero, TRON, Dash: Analisi dei prezzi, 23 novembre

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Una riduzione del prezzo indica anche un deterioramento degli aspetti fondamentali di una valuta? In molti casi è così, ma solitamente i mercati non riescono a comprendere appieno i principi alla base delle tecnologie emergenti, sia nel breve che nel lungo periodo.

Nel maggio del 1997, il valore delle azioni di Amazon era di circa 18$. In poco più di un anno, le prospettive a breve termine avevano fatto impennare il prezzo a 300$, per poi crollare a 6$ dopo lo scoppio della bolla del dot-com. Al tempo il mercato sottovalutava l'enorme potenziale della rete, e i detrattori cantavano già vittoria. Come tutti sappiamo, appena vent'anni dopo Amazon sarebbe divenuta la seconda compagnia della storia a raggiungere una capitalizzazione di oltre mille miliardi di dollari.

A tal proposito, l'imprenditore del settore blockchain e consulente dell'industria Vinny Lingham ha affermato: "La situazione può cambiare, quando un maggior numero di compagnie con solidi casi d'utilizzo emergerà dai propri cicli di sviluppo, ottenendo ulteriore supporto e dimostrando che il progetto potrebbe realmente fare la differenza". Il crollo dei prezzi non segna affatto la fine delle criptovalute.

Diamo un'occhiata ai grafici, nel tentativo di prevedere i movimenti a breve termine dei prezzi.

BTC/USD

Durante il declino i livelli di supporto non sono stati rispettati, rendendo la previsione del bottom particolarmente complessa. Il Bitcoin ha tentato di ottenere una ripresa in data 21 novembre, ma la sua scalata si è interrotta a 4.799$.

BTC/USD

Successivamente la coppia BTC/USD ha ripreso il proprio downtrend, raggiungendo nuovi minimi. Entrambe le medie mobili sono ora in calo e l'RSI mostra che la moneta è stata venduta in maniera eccessiva. Il mercato è fortemente ribassista.

Il prossimo supporto si trova a 4.100$, e sotto tale livello il crollo potrebbe estendersi fino a 3.500$ o persino 3.000$.

Qualsiasi tentativo di ripresa incontrerebbe una forte resistenza alla downtrend line e a 5.000$. Nonostante vorremmo sfruttare questa contrazione per acquistare, è consigliabile attendere il consolidamento della moneta prima di aprire nuove posizioni long.

XRP/USD

Ripple è scivolato al di sotto della uptrend line, dimostrando che anche questa moneta è stata influenzata dal sentimento negativo. Ciononostante rimane sopra i propri minimi, confermando le ottime prestazioni rispetto al resto del mercato.

XRP/USD

Le medie mobili puntano verso il basso e l'RSI è scivolato sotto i 40: attualmente l'offerta supera la domanda.

Il prossimo supporto si trova a 0,37185$, e sotto ancora a 0,26913$. La coppia XRP/USD indicherebbe un probabile consolidamento nel caso in cui il prezzo dovesse superare velocemente l'uptrend line, facendo appiattire le medie mobili. Per il momento è meglio rimanere in disparte e attendere.

ETH/USD

Ethereum non trova acquirenti ai livelli più alto: il pullback si è interrotto a 141,91$.

ETH/USD

Attualmente i ribassisti stanno tentando di spingere la moneta fino al prossimo livello di supporto, a 110$. Ciononostante l'RSI mostra che la moneta è stata venduta in maniera eccessiva, indicando un probabile pullback. Sconsigliamo tuttavia di basare le proprie scelte unicamente sulla speranza, e dovremmo pertanto attendere la formazione di nuove configurazioni d'acquisto prime di procedere con l'apertura di posizioni long.

In alto, la coppia ETH/USD dovrà affrontare un duro ostacolo a 167,32$. Anche la EMA a 20 giorni si trova attorno a questo livello, rendendola una resistenza chiave per la ripresa della criptovaluta.

XLM/USD

Stellar si trova ad un livello critico. Se i ribassisti riuscissero a spingere il prezzo sotto quota 0,184$, potremmo assistere all'inizio di un nuovo downtrend. In basso, i livelli chiave si trovano a 0,1547188$ e 0,138565$, i minimi infragiornalieri raggiunti rispettivamente il 18 marzo e il 22 dicembre dello scorso anno.

XLM/USD

Al contrario, nel caso in cui i rialzisti riuscissero a difendere il supporto a 0,184$, la coppia XLM/USD potrebbe ottenere un pullback fino alla EMA a 20 giorni, e sopra ancora alla downtrend line. Consigliamo di attendere la formazione di nuove configurazioni d'acquisto prima di procedere con l'apertura di posizioni long.

EOS/USD

Nonostante EOS sia scivolato sotto il livello critico di supporto a 3,8723$, il valore non è totalmente crollato. Questo mostra la presenza di un certo desiderio d'acquisto ai livelli più bassi. Inoltre l'RSI mostra che la moneta è stata venduta in maniera eccessiva, segnalando un possibile tentativo di ripresa in futuro.

EOS/USD

Nel caso in cui i rialzisti riuscissero a superare quota 3,8723$, potremmo assistere ad un movimento fino alla downtrend line, e sopra ancora a 4,493$. Anche la EMA a 20 giorni si trova attorno a questo livello: 4,493$ sarà un duro ostacolo da superare.

Se tuttavia la coppia EOS/USD non riuscisse a superare 3,8723$, il prezzo potrebbe scivolare a 3$. Attualmente non notiamo lo sviluppo di alcun pattern rialzista, e sconsigliamo pertanto lo scambio di questa moneta.

LTC/USD

Da tre giorni a questa parte i rialzisti stanno tentando di difendere il supporto a 32$, senza tuttavia riuscire a spingere il Litecoin più in alto.

LTC/USD

Ciononostante, l'RSI mostra che la moneta è stata venduta in maniera eccessiva, facendo presagire un probabile pullback. In alto, la coppia LTC/USD dovrà affrontare una dura resistenza alla EMA a 20 giorni, e sopra ancora nell'area compresa fra 47,249$ e 49,466$.

D'altra parte, se i ribassisti riuscissero a spingere i prezzi sotto l'area di supporto compresa fra 32$ e 29,653$, la caduta potrebbe estendersi fino al prossimo supporto a 20$.

ADA/USD

Il pullback di Cardano non è riuscito a superare quota 0,05$, e il prezzo è pertanto tornato al supporto a 0,041$.

ADA/USD

Se la coppia ADA/USD dovesse scivolare sotto il supporto a 0,041$, la moneta potrebbe scivolare fino al target inferiore a 0,025954$.

Al contrario, nel caso in cui i rialzisti riuscissero ad ottenere una ripresa dai livelli correnti, la criptovaluta potrebbe ancora una volta tentare un breakout da 0,05$. In caso di successo, il pullback potrebbe estendersi fino a 0,060105$, che prevediamo agirà da solida resistenza: si tratta infatti del precedente supporto, e anche la EMA a 20 giorni si trova attorno a questo livello.

XMR/USD

Nonostante in data 21 e 22 novembre i rialzisti abbiano tentato di ottenere un pullback, Monero non è riuscito a superare quota 72$, portando ad un nuovo declino dei prezzi.

XMR/USD

Se la coppia XMR/USD dovesse scivolare sotto i 60$, il declino potrebbe estendersi fino al prossimo supporto a 46$.

Se al contrario la criptovalute dovesse trovare acquirenti ai livelli attuali, i rialzisti potrebbero tentare un nuovo breakout dalla resistenza a 72$. In caso di successo, il pullback potrebbe estendersi fino a 81$.

TRX/USD

Da circa due giorni TRON non risce a superare la resistenza a 0,01587681$. Ciononostante i rialzisti sono riusciti a mantenere il prezzo sopra il minimo infragiornaliero del 20 novembre, a 0,0122194$.

TRX/USD

Prevediamo un ulteriore tentativo di superare quota 0,01587681$: in caso di successo, la criptovalute potrebbe raggiungere la prossima resistenza a 0,0183$.

Se invece, contrariamente alle nostre aspettative, la coppia TRX/USD dovesse scivolare sotto 0,0122194$, il crollo potrebbe estendersi fino al prossimo supporto a 0,00844479$,

DASH/USD

Dash continua ad essere scambiato attorno al supporto del canale discendente. Questo mostra che attualmente il mercato è nelle mani dei ribassisti.

DASH/USD

Un breakdown dal canale rappresenterebbe uno sviluppo negativo, che potrebbe spingere la coppia DASH/USD fino al prossimo supporto a 75$.

Se invece il limite inferiore del canale dovesse reggere, i rialzisti potrebbero tentare un ulteriore pullback sopra i 120$, raggiungendo in tal modo la resistenza superiore a 129,58$. I trader dovrebbero attendere l'inversione del trend prima di aprire nuove posizioni long.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.