In Asia il numero di impieghi nel settore blockchain è in continuo aumento, nonostante la volatilità dei mercati

Secondo i dati raccolti da Robert Walters, agenzia internazionale per il lavoro, in Asia il numero di impieghi nel settore blockchain è in continuo aumento, mentre l'interesse per specifiche criptovalute aumenta e diminuisce a seconda delle oscillazioni di mercato.

In particolare, dallo scorso anno ad oggi la compagnia ha osservato in Asia un incremento del 50% nel numero di ruoli legati alla tecnologia blockchain. Gli sviluppatori specializzati nel linguaggio di programmazione Python sono i candidati più ambiti.

Anche Indeed, una piattaforma per la ricerca di nuovi posti di lavoro dedicata al mercato asiatico, ha confermato i dati di Robert Walters: tra i datori di lavoro è presente maggiore interesse nella blockchain e nel concetto generale di criptovaluta piuttosto che in monete specifiche, come ad esempio il Bitcoin (BTC).

"La situazione in Asia è simile a quella degli Stati Uniti: per quanto riguarda il Bitcoin, le tendenze lavorative sono molto più volatili e legate all'oscillazione dei prezzi, mentre la ricerca di impieghi nel settore della blockchain e delle criptovalute continua a crescere".

Julian Hosp, fondatore della start-up TenX, ha avvalorato tali dati raccontando la propria esperienza:

"Quando le criptovalute vanno bene, otteniamo numerose richieste da parte di persone che pensano 'Non devo farmi scappare questa opportunità'. Quando invece scendono, lo abbiamo visto ad inizio anno e lo stiamo vedendo adesso, le persone pensano 'Oh no, questa industria sta morendo, meglio non avvicinarsi'. Si basa tutto sul sentimento".

Questo continuo incremento d'interesse per le tecnologie decentralizzate nel mercato asiatico potrebbe essere in parte dovuto al clima normativo presente in questo momento in Cina: il governo ha infatti adottato un atteggiamento estremamente severo nei confronti delle criptovalute, promuovendo al tempo stesso sviluppo e utilizzo della blockchain.

Wayne Zhu, fondatore della divisione venture capital della NEO Foundation, ha inoltre spiegato che la Cina regola in maniera molto dura anche il mercato azionario tradizionale, spingendo molti professionisti della finanza verso l'industria delle monete digitali. 

Questa estate Cointelegraph ha lanciato una piattaforma che permette di trovare opportunità lavorative nel settore blockchain e fintech.