Una startup blockchain raccoglie 5 mln di dollari per automatizzare i controlli di sicurezza negli aeroporti

Secondo quanto riportato da Silicon Republic il 28 ottobre, la startup blockchain Zamna ha raccolto 5 milioni di dollari per automatizzare i controlli di sicurezza negli aeroporti utilizzando la tecnologia blockchain e i sistemi biometrici.

La startup utilizzerà il finanziamento per implementare la sua piattaforma Advance Passenger Information. Zamna ha anche affermato di aver acquisito dei nuovi clienti, tra cui l'International Airlines Group (IAG), Emirates Airlines e la Direzione generale della residenza e degli affari esteri degli Emirati Arabi Uniti.

Secondo il sito web Crunchbase, il round di finanziamento è stato guidato dalle società di venture capital LocalGlobe e Oxford Capital, insieme a IAG, uno dei più grandi gruppi di compagnie aeree del mondo.

Fino al 90% di controlli in meno sui documenti

La tecnologia di Zamna, nota in passato come Vchain Technology, mira condividere i dati dei passeggeri tra aeroporti, governi e società di sicurezza tramite blockchain.

La piattaforma sostiene che il sistema consentirà la condivisione sicura dei dati tra le parti interessate, garantendo controlli istantanei sulle informazioni dei passeggeri, il che dovrebbe ridurre i controlli manuali dei documenti fino al 90%.

Un portavoce della società ha spiegato:

"L'idea è che, poiché sempre più identità dei passeggeri verranno verificate digitalmente e condivise in modo sicuro tra le parti, il processo di sicurezza dell'aeroporto diventerà automatizzato e i passeggeri saranno in grado di viaggiare senza bisogno di documentazione fisica o ripetuti controlli di identità."

Verificare i dati senza condividerli

Il sistema goderebbe di elevati standard di privacy, grazie a un algoritmo proprietario in grado di verificare i dati biometrici e biografici senza condividerli con terzi.

La piattaforma "consente alle compagnie aeree, agli aeroporti e ai governi di accedere a una rete di convalida sicura, immutabile e distribuita", sostiene la società, aggiungendo che:

"La tecnologia può essere utilizzata da ciascuna di queste parti per convalidare i dati biografici e biometrici dei passeggeri, utilizzando 'segnali' crittograficamente validi per verificare che sei effettivamente chi dici di essere."

Irra Ariella Khi, cofondatrice e CEO di Zamna, osserva che le compagnie aeree non sono attualmente in grado di fornire dati precisi ai governi in conformità con le normative. La donna sostiene che sia le compagnie aeree che i governi devono spendere una grande quantità di risorse per verificare chi dovrebbe o non dovrebbe essere autorizzato ad entrare in un determinato paese.

Secondo Khi, nell'era digitale, il processo dovrebbe essere automatizzato:

"Nel 2019, queste decisioni dovrebbero essere automatizzate in modo sicuro e informate tramite dati ad alta integrità, ancor prima che cominci il viaggio."

Come riportato da Cointelegraph a marzo, un rappresentante del Customs and Border Protection degli Stati Uniti ha affermato che l'utilizzo della blockchain per il monitoraggio biometrico sarebbe una "killer app" per il settore della sicurezza dei viaggi.