Canada: il colosso dei gioielli Birks accetterà pagamenti in Bitcoin in otto punti vendita del paese

Il famoso produttore e rivenditore di gioielli canadese Birks Group ha iniziato ad accettare pagamenti in Bitcoin (BTC) grazie ad una partnership con il sistema di elaborazione BitPay. Lo ha confermato la società in un comunicato stampa pubblicato il 28 novembre.

Il Gruppo Birks, che opera dal 1879, accetterà la criptovaluta più famosa al mondo in otto dei suoi 30 negozi in Canada.

Sette già stanno accettando pagamenti con Bitcoin, mentre il punto vendita di Vancouver comincerà ad accettarli "a breve".

Jean-Christophe Bédos, presidente e amministratore delegato di Birks Group, ha descritto l'iniziativa come una "decisione di grande importanza":

"BitPay andrà a beneficio dei nostri clienti, continueremo a rimanere all'avanguardia di queste tecnologie innovative."

Come riportato da Cointelegraph, la tecnologia blockchain alla base del Bitcoin ha visto molteplici utilizzi nel tracciamento della filiera delle pietre preziose, soprattutto nel caso dei diamanti.

Ad ottobre, il famoso produttore di diamanti Alrosa si è unito ad un progetto pilota blockchain che prevede l'utilizzo del sistema di tracciamento Tracr di De Beers.

"Il Gruppo Birks ha un gran numero di acquirenti internazionali, quindi è ragionevole dar loro la possibilità di pagare in Bitcoin", ha aggiunto Sonny Singh, Chief Commercial Officer di BitPay.