Il più grande distributore cinese lancia un incubator per startup operanti nel campo della Blockchain

JD.com, il più grande distributore cinese sia online che offline, ha annunciato in un recente comunicato stampa le prime quattro startup che parteciperanno ad Al Catapult, un incubation program basato sulla Blockchain.

Il progetto, con sede a Pechino ma con candidati provenienti da ogni angolo del pianeta, mira ad sfruttare la vasta infrastruttura della compagnia per lo sviluppo di applicazioni che utilizzino la tecnologia Blockchain e l'intelligenza artificiale (IA).

All'interno del comunicato, JD.com sottolinea di voler "collaborare con startup innovative operanti in ambito Blockchain per dare vita a nuovi business e creare applicazioni su larga scala basate sulle loro tecnologie."

"JD si trova nell'eccezionale posizione di esplorare il potenziale della IA e della Blockchain nel commercio globale", ha commentato Bowen Zhou, vicepresidente della AI Platform and Research Division dell'azienda.

“Siamo felici di lavorare con alcune delle startup più innovative al mondo, per esplorare maniere in cui scalare queste tecnologie all'avanguardia per il future della distribuzione e delle altre industrie."

Le startup coinvolte includono CanYa, mercato di servizi con sede in Australia, e Nuggets, piattaforma di pagamenti e ID di origine britannica.

L'apertura di AI Catapult rappresenta non solo l'ultimo passo compiuto da JD nell'industria della Blockchain, dopo le partnership portate a termine dalle sue aziende affiliate come JD Finance, ma anche l'arrivo di un ulteriore concorrente in un mercato cinese già altamente competitivo.

Anche gli altri colossi cinesi, come Tencent e Baidu, hanno simili interazioni con le tecnologie emergenti.