Una class action accusa Patrick Byrne e Overstock.com di frode

Una nuova denuncia accusa Overstock.com, il vecchio CEO Patrick Byrne e il vecchio CFO Greg Iverson di aver condotto una frode finanziaria.

La denuncia

Presentata presso la giurisdizione dello Utah in data 27 settembre, la denuncia sostiene che Byrne abbia progettato i dividendi digitali di Overstock.com appositamente per ostacolare gli short seller: teoria supportata anche in un recente articolo del New York Post.

In particolare, gli autori della denuncia sostengono:

"Nonostante l'imputato Byrne abbia precedentemente e in più occasioni lanciato delle invettive contro lo short selling e il naked short selling, il tZERO Dividend era il suo piano segreto per ottenere la totale egemonia su questi strumenti, quasi riuscendoci."

Ostacolare gli short seller

A luglio di quest'anno Overstock.com ha iniziato ad offrire un dividendo speciale, detto "Digital Voting Series A-1 Preferred Stock", che era possibile scambiare sulla piattaforma blockchain della compagnia. Tuttavia, il trading di questi dividendi è rimasto disabilitato per circa sei mesi. La denuncia sostiene che lo scopo di questa iniziativa fosse quello di manipolare il valore delle azioni di Overstock:

"In data 13 settembre 2019, le azioni hanno registrato un picco di 26,89$. Il 18 settembre 2019, appena tre giorni di trading dopo, vale a dire quando gli investitori hanno scoperto che i dividendi di tZERO erano stato progettati per essere uno short squeeze, il prezzo delle azioni ha toccato un minimo di 15,50$."

Inoltre, prima del 18 settembre Byrne è riuscito a vendere la sua intera quota in Overstock.com, pari a circa il 13%, per ben 90 milioni di dollari. Gli autori della denuncia sostengono pertanto che Overstock.com, Byrne e Iverson abbiano violato le leggi relative al trading fraudolento di titoli azionari.

L'estate di Byrne

Recentemente, sia Byrne che Iverson hanno abbandonato le proprie posizioni in Overstock.com: il primo in data 22 agosto, mentre il secondo il 17 settembre.

La notizia delle dimissioni di Byrne ha sconvolto la comunità delle criptovalute, in quanto da ormai parecchi anni l'uomo supporta attivamente sia Bitcoin che la tecnologia blockchain. A tal proposito, all'interno della denuncia è possibile leggere:

"In effetti, negli ultimi anni l'imputato Byrne ha trascorso non meno di 220 giorni all'anno sulla strada, diffondendo il suo vangelo sulla blockchain e ignorando il fatto che Overstock continuasse a perdere enormi quantità di denaro."