CoinMarketCap: nuovo sistema di ranking basato sulla liquidità previsto per novembre

CoinMarketCap (CMC), un'importante fonte di dati su tutte le criptovalute scambiate nel mercato, annuncerà il suo nuovo sistema di ranking il 12 novembre 2019.

CMC ha rivelato la notizia durante la prima tavola rotonda virtuale tenuta oggi, 27 agosto, dalla Data Accountability & Transparency Alliance (DATA), un gruppo di exchange e progetti del settore crypto formato a maggio 2019.

Attualmente, tra i membri di DATA compaiono i nomi di Binance, Bittrex, Huobi, OKEx e altri.

Durante l'evento, CoinMarketCap ha portato all'attenzione dei membri tre argomenti chiave: l'uso delle metriche di liquidità, l'auto-segnalazione dei dati e un database unificato degli ID dei crypto asset. La dashboard che permetterà agli exchange di riportare autonomamente i propri dati verrà lanciata il 14 ottobre.

Passaggio alla liquidità

L'idea di utilizzare le metriche di liquidità per classificare gli exchange è nata in parte a causa dei problemi con il wash trading riscontrati nell'attuale classificazione basata sui volumi.

La presentazione di CMC ha tuttavia spiegato che l'utilizzo delle nuove metriche potrebbe rivelarsi problematico, essendo non numeriche, in continuo cambiamento e difficili sia da registrare che da riportare.

Tuttavia, CMC sottolinea che nel caso in cui venga deciso di preservare il modello attuale a volume, dovrà essere ridisegnato in modo da renderlo più difficile da aggirare.

Auto-segnalazione

ll secondo punto, quello dell'auto-segnalazione, è stato presentato come un modo per incentivare la trasparenza nell'industria crypto. La presentazione di CMC ha proposto l'idea di ricevere dei badge come ricompensa per il numero di data point rivelati da un exchange, in modo simile al sistema di classificazione di LinkedIn. Tra questi alcuni esempi sarebbero, KYC, ubicazione dell'ufficio e registri degli ordini condivisi con gli altri exchange.

Ben O’Neill della società di ricerca crittografica Messari ha osservato che al momento nessun exchange sta eliminando i “progetti cattivi”, a parte il delisting di BSV avvenuto questa primavera. 

A maggio, CMC ha dichiarato che avrebbe cominciato a rimuovere dal sito tutti gli exchange che si fossero rifiutati di fornire alcuni dati obbligatori entro giugno 2019.

La Data Accountability & Transparency Alliance si è formata dopo alcune importanti segnalazioni di wash trading nei mercati delle criptovalute emerse questa primavera.