Accenture realizza un nuovo tool dedicato all'interoperabilità delle piattaforme blockchain enterprise

In un comunicato stampa del 22 ottobre, la multinazionale dei servizi di consulenza Accenture ha rivelato un nuovo strumento basato su blockchain dedicato all'interoperabilità: è già il secondo in un mese.

A una settimana di distanza dall'annuncio della partnership con la banca thailandese Siam Commercial Bank, Accenture ha dichiarato che il suo ultimo prodotto ha facilitato l'integrazione tra i sistemi blockchain aziendali esistenti.

In particolare, il tool permette alla piattaforma blockchain Digital Asset di funzionare in tandem con la piattaforma Corda di R3, e lo stesso vale per Hyperledger Fabric e la piattaforma Quorum di JPMorgan.

Commentando le due soluzioni, che l'azienda ha già testato, il direttore generale e global blockchain lead David Treat le ha descritte come "elementi rivoluzionari".

"La sfida principale era sviluppare le capacità di integrazione senza introdurre una 'messaggistica operativa' tra le piattaforme dlt, per rimanere fedele ai principi e ai benefici della tecnologia blockchain" ha affermato, aggiungendo:

"L'utilizzo di questa soluzione con i nostri clienti sta già sbloccando nuove opportunità per riunire gli ecosistemi, attenuando i principali problemi relativi alla scelta della piattaforma 'sbagliata' o alla necessità di ricostruire l'ecosistema se un partner utilizza qualcosa di diverso".

Tutte e quattro le piattaforme blockchain continuano ad avere sempre più popolarità, entrando nei sistemi delle industrie appartenenti a diversi settori dell'economia globale.

Per il suo accordo in Tailandia, Accenture ha optato anche per un sistema singolo, utilizzando Corda come piattaforma di base per la sua cosiddetta soluzione Procure-to-Pay.

"Abbiamo dichiarato fin dall'inizio che l'interoperabilità è la chiave per evitare i problemi del passato", ha aggiunto il CTO Richard Gendal Brown di R3 nel comunicato stampa di questa settimana.