L'Enterprise Ethereum Alliance formerà una task force per supportare l'adozione dei token nelle aziende

L'Enterprise Ethereum Alliance (EEA), una comunità globale dedicata alla blockchain costituita da oltre 500 membri, lancerà una "task force per i token" nel 2019. A confermarlo è stata la stessa EEA il 13 febbraio, tramite corrispondenza privata con Cointelegraph.

Il direttore esecutivo dell'EEA Ron Resnick ha dichiarato che la task force è ancora in fase di progettazione, e la sua inaugurazione è prevista nella prima metà di quest'anno.

"Stiamo creando una task force per i token: lo faremo nella prima metà di quest'anno", ha affermato Resnick, aggiungendo:

"Si concentrerà sul supporto dei token ERC-20 fungibili e non, e dei token ERC-721".

Resnick spera che la nuova iniziativa contribuisca alla tokenizzazione delle imprese e costruisca fiducia nell'industria delle criptovalute. Inoltre, il gruppo si concentrerà sulla questione dell'interoperabilità tra blockchain diverse.

L'EEA si descrive sul suo sito web ufficiale come un'organizzazione focalizzata sulla creazione di standard per aiutare le imprese ad adottare la tecnologia blockchain di Ethereum.

Oggi, 14 febbraio, l'associazione ha annunciato l'apertura di una nuova sede in Cina, diretta da Weijia Zhang, vicepresidente del reparto ingegneria della startup Wanchain, che si occupa proprio dell'interoperabilità tra varie blockchain.

Ad ottobre 2018, l'EEA ha stretto una partnership con un'altra importante comunità blockchain, quella di Hyperledger, la piattaforma blockchain open source della Linux Foundation. Ognuno dei due consorzi è entrato a far parte dell'organizzazione dell'altro in qualità di "membro associato" al fine di supportare l'adozione della blockchain nel settore aziendale.

Come già riportato in precedenza da Cointelegraph, le industrie più importanti del settore ritengono che gli asset tokenizzati saranno la principale tendenza dei prossimi anni. Per esempio, Tyler e Cameron Winklevoss, fondatori della piattaforma Gemini, credono che la "pazza era" delle initial coin offering (ICO) del 2017 sia finita, e che gli asset tokenizzati saranno il fulcro del 2019.