Fujitsu costruisce un'infrastruttura di pagamenti basata su blockchain per nove banche giapponesi

Come riportato nella giornata di lunedì 29 ottobre da Cointelegraph Japan, il colosso giapponese Fujitsu costruirà una piattaforma di pagamenti interbancari utilizzando la tecnologia blockchain insieme a nove banche nazionali.

Con l'obiettivo di "confermare l'applicabilità della tecnologia blockchain", la sperimentazione della piattaforma verrà condotta, secondo il comunicato stampa, dal Payment Clearing Network delle banche giapponesi, noto anche come Zengin-Net.

Durante i pagamenti, la piattaforma utilizzerà una "valuta digitale" di cui ancora non si conosce il nome.

Secondo il comunicato, Fujitsu "sfrutterà inoltre la piattaforma di trasferimento di denaro P2P che ha sviluppato nel 2017 insieme a tre grandi banche, per generare trasferimenti di denaro ad altre banche che determineranno il trasferimento interbancario dei fondi":

"Partecipando a questo progetto, Fujitsu mira a creare una nuova piattaforma che utilizza tecnologie all'avanguardia per contribuire alla realizzazione di una società senza contante."

La società si è interessata allo sviluppo tecnico di tecnologie blockchain ormai da parecchio tempo. L'anno scorso ha rilasciato uno strumento che consente di elaborare transazioni più veloci tramite Hyperledger Fabric, la soluzione blockchain enterprise della Linux Foundation. A giugno, ha inoltre lanciato un sistema di archiviazione dei dati basato su blockchain per la tokenizzazione delle strategie di vendita al dettaglio tradizionali, come coupon e punti fedeltà.

Il Giappone continua a sfornare varie iniziative bancarie che utilizzano la tecnologia blockchain. Qualche settimana fa, SBI Group ha introdotto un sistema di pagamento che usa Ripple (XRP) come mezzo di trasferimento.