L'ultima versione del browser Brave permette di prelevare i propri token BAT

In un post pubblicato il 24 luglio, Alex Wykoff, product manager del browser blockchain Brave, ha annunciato che gli utenti che utilizzano l'ultima versione del software saranno in grado di prelevare i propri token BAT.

Secondo l'annuncio, gli utenti dell'ultima versione nightly (ossia ancora in fase di sviluppo) di Brave Browser saranno in grado di prelevare i token BAT dopo aver verificato la loro identità tramite la startup UpHold. Dopo la verifica, gli utenti potranno inoltre acquistare token BAT aggiuntivi nel caso in cui desiderino contribuire ulteriormente alla manutenzione del sito web e alla creazione di contenuti.

Wykoff spiega che gli utenti continueranno normalmente a guadagnare BAT attraverso la visualizzazione di annunci. La novità è che per aggiungere fondi da qualsiasi fonte esterna - come una carta di credito, un conto bancario o anche un altro wallet crypto - bisognerà prima verificare la propria identità con UpHold.

Inoltre, il post specifica che anche i content creator devono aver verificato la propria identità con UpHold per poter ricevere donazioni e far parte al programma di donazioni automatiche.

Problemi importanti nell'ultima versione nightly

Wykoff ammette anche che questa versione - che non è definitiva - presenta alcuni problemi fondamentali, come il fatto che l'indirizzo del wallet dell'utente e il nome utente Uphold saranno visibili ai content creator durante l'invio dei suggerimenti, o ancora il fatto che solo i publisher con un canale attivo possono completare la procedura di verifica.

Tuttavia, entrambi questi problemi dovrebbero essere risolti ad agosto.

Come riportato da Cointelegraph, Brave ha lanciato il programma Brave Ads ad aprile, permettendo agli utenti di guadagnare delle ricompense per la visualizzazione degli annunci pubblicitari.