Qualcuno può spiegarmi perché gli NFT ‘cloni’ vengono venduti a prezzi così alti?” ha chiesto il redditor LittleDoofus qualche mese fa.

Gli NFT cloni approfittano di collezioni di successo rilasciando copie simili o persino identiche delle opere d’arte con brand affini. LittleDoofus voleva sapere come abbiano improvvisamente attribuito così tanto valore agli NFT, per non parlare di semplici copie di opere NFT rinomate.

Il post di LittleDoofus continua:

“Ok, capisco perché qualcuno potrebbe considerare i progetti CryptoPunks o Ether Rocks come preziosi oggetti da collezione digitali, ma cosa sta succedendo con la mania per i progetti clone? Vedo così tanti cloni di CryptoPunks (nessuna affiliazione a Larva Labs) con ‘artisti’ sconosciuti venduti a cifre notevoli… Perché? Sono solo truffatori che cercano di truffarsi a vicenda?”

È un’ottima domanda: dove si inseriscono gli NFT cloni nella cultura crypto open-source? Ho deciso di chiedere risposte a sviluppatori crypto di lunga data e agli stessi creatori di cloni.

Innanzitutto, con “cloni” mi riferisco a copie esatte di progetti famosi: un valido esempio è CryptoPhunks, che ha semplicemente girato le immagini e letteralmente specchiato la serie originale di NFT iconici CryptoPunks attualmente venduti per milioni di dollari. I prezzi dei CryptoPhunks si aggirano a poco meno di 1 ETH.

Inoltre, i cloni esistono anche su blockchain differenti. SolPunks, per esempio, è stato creato sulla blockchain di Solana e “non è affiliato in alcun modo con Larba Labs e/o CryptoPunks” sviluppato su Ethereum. Tuttavia, i punk hanno lo stesso aspetto.

CryptoPhunks ha fatto solo il minimo indispensabile per distinguersi dagli originali. Fonte: Twitter

Esistono anche NFT “derivati” che approfittano della popolarità di un brand rinomato usando un nome simile come “punk” o “ape.” Questi cloni sono emulatori, impostori, tributi, spin-off o cash-grab, a seconda di chi chiedete. CryptoFUNKS, per esempio, ha preso il nome e l’ha applicato a figure stilizzate disegnate a mano.

Ricreare e remixare si allineano con l’ethos open-source delle crypto. Crea cose, aprile al pubblico e incoraggia tutti a basarsi sui tuoi sforzi. SushiSwap è nato come un clone del codice di Uniswap e in seguito ha seguito una propria strada.

L’investitore crypto e community builder Daniel Bar indica l’attuale boom dell’arte generativa come un esempio di copiare cose popolari.

È un po’ come le ICO nel 2017, l’imitazione cresce in modo esponenziale,” afferma. “Tuttavia, aiuta il settore a imparare e svilupparsi.

Tuttavia, ammette che i progetti NFT cloni potrebbero attirare denaro che altrimenti andrebbe all’originale:

“La gente che compra i cloni avrebbe potuto comprare gli originali, quindi forse potrebbero essere svalutati se un potenziale acquirente non presenta la sua offerta. Tuttavia, gli originali potrebbero avere vantaggi effettivi che i falsi non hanno, quindi è come comprare un Rolex finto.”

Bored Apes Yacht Club ha incluso l’accesso a feste esclusive. I CryptoPunks sono stati usati come biglietti per un airdrop gratuito di NFT Meebit. Questo non può essere clonato.

Le comunità crypto sono complesse, ideologiche e multiforme. Anche se la forza unica della blockchain è la sua capacità di autenticare “cose” per consentire la fiducia tra partecipanti, ovviamente l’attuale bull market presenta molta speculazione sugli asset digitali, basata su meme e controcultura. In questo contesto, cloni di grande valore iniziano ad avere senso.

Partiamo dall’inizio, cosa diavolo è un token non fungibile, o NFT? Questa definizione inquadra l’intera conversazione sulla diffusione degli NFT cloni e sui motivi per cui la gente li compra.

I CryptoFunks, invece, sono derivati che si basano sull’originale e fanno le cose diversamente. Fonte: OpenSea

I diritti di proprietà digitale emergenti

Come tutti sanno, il 2021 è l’anno degli NFT. Letteralmente, considerando che NFT è la parola dell’anno per Collins Dictionary. Dalla leggenda dell’hockey canadese Wayne Gretzky a brand come Marvel, tutti hanno lanciato delle collezioni.

Il potenziale aspetto collezionabile per i progetti originali è chiaro, ma per i cloni di una serie NFT popolare risulta più incerto. Sappiamo che i progetti clone hanno valore e racimolano fondi (seppure non allo stesso livello degli originali). Curiosamente, quasi nessuno compra un falso credendo sia l’originale.

“Non fungibile” significa che l’oggetto è unico e non può essere copiato. Ogni NFT è un token unico, e pur essendo facile copiare l’immagine correlata, l’indirizzo wallet del creatore non può essere falsato, e “l’emissione” è una linea di provenienza diretta. “Emettere” un NFT registra un particolare utente come suo creatore e il primo proprietario del token NFT.

Gli hacker potrebbero riuscire a clonare un NFT con una tecnica conosciuta come “sleepminting,” cambiando sostanzialmente la catena di proprietà. Tuttavia, gli sviluppatori con cui ho parlato non sono sicuri che questo sia effettivamente possibile.

Quindi, in sostanza un NFT è una forma di servizio di notariato, uno strumento tokenizzato per la provenienza che stabilisce e certifica l’indirizzo wallet del creatore. I token non fungibili possono aiutare artisti, musicisti e altri a dimostrare che hanno creato qualcosa.

Michael Kong, CEO di Fantom Foundation, afferma:

“[Gli NFT mostrano] l’intero percorso di verifica, il livello di autenticità associato a ciascun token unico che consente di consultare i proprietari precedenti. La gente attribuisce grande valore a questa funzione.”

Significa molto di più di immagini copiate di Punk pixelati. Le possibilità offerte dalla provenienza immutabile avvolta in un NFT sono ancora da esplorare. Gli NFT possono avvolgere qualsiasi tipo di dati in modo sicuro. Per questo i veri sostenitori dell’open-source sono ansiosi di vedere i progressi nello sviluppo del settore.

La rivoluzione open-source spinge i prezzi al rialzo, anche per i cloni

CryptoFUNKS e Sad Frogs District sono due esempi di rimozioni di progetti clonati. Il delisting degli NFT clone CryptoFUNKS a ottobre dal marketplace per NFT più conosciuto, OpenSea, ironicamente non ha fatto altro che aumentare la loro popolarità. OpenSea ha ricevuto una notifica di rimozione da Larva Labs richiedendo il delisting a causa di violazioni del diritto d’autore. Ad agosto è avvenuto qualcosa di simile con PolygonPunks, sebbene siano riapparsi a settembre.

Nel mese di agosto, OpenSea ha annunciato il delisting delle 7.000 immagini di Pepe the Frog della collezione Sad Frogs District per violazioni di copyright segnalato dal creatore del personaggio, Matt Furie. Questo ha irritato la comunità, che aveva già investito 4 milioni di dollari nel progetto e temeva che gli NFT avrebbero perso il loro valore.

Bokky PooBah è un rinomato sostenitore dell’open-source nel mondo crypto. Nato in Malesia e residente a Sydney, si è innamorato della tecnologia e dei suoi principi ideologici, offrendo per anni lezioni di programmazione blockchain gratuite. La sua scuola di programmazione non ha supporto da aziende o sponsorizzazioni. È entrato nel settore crypto per costruire e continua a reclutare per sviluppare progetti sperimentali. PooBah è citato in fondo al sito web di CryptoPunks come risorsa per il progetto.

Il delisting di CryptoFUNKS ha avuto un “effetto Streisand, rendendolo più popolare,” afferma PooBah. Il termine si riferisce a quando la celebre cantante Barbara Streisand ha cercato di nascondere informazioni legate alla sua casa a Malibu, finendo però per promuovere un enorme interesse a riguardo. Lo stesso PooBah ha “dovuto comprare un CryptoFUNK” per principio. “La certificazione restrittiva ostacola la comunità,” precisa PooBah.

Proseguendo, spiega che gli NFT sono “potentissimi” e sta costruendo un exchange di NFT decentralizzato, dove i creatori possono chiedere royalty continuative in un registro.

Fork di NFT?

Una teoria sulle imitazioni NFT è che sono l’equivalente dei fork di un OS o una blockchain che, in realtà, aumentano il valore e la credibilità della collezione originale. Questo punto di vista suggerisce che i cloni contribuiscono a spingere i prezzi al rialzo.

In fondo, come sottolinea la “right-click save brigade,” le copie abbondano tra gli NFT. Questa fazione sostiene che “gli NFT non hanno valore perché possono essere replicati con uno screenshot.” Tuttavia, PooBah afferma che non è questo il punto.

In ultima analisi, la proprietà è da sempre un concetto forte,” e questo è il concetto fondamentale. “La proprietà è protetta dalla blockchain, non importa se la gente copia immagini,” spiega.

Per PooBah, l’artista di maggior successo nel campo degli NFT, Beeple, “è noioso… in termini di utilizzo della tecnologia.” Ciò che lo entusiasma è il progresso tecnologico. L’arte sta nella creatività del codice.

Kong concorda, sottolineando che “gli argomenti dei right-click-save valgono per tutte le opere d’arte, ma in realtà non è la stessa cosa. Il valore è soggettivo, il valore sta nell’occhio di chi guarda, come la rarità percepita.

A suo avviso, “c’è da aspettarselo, è facile salvare un file e produrre un altro NFT,” ma il ragionamento ha più senso al contrario: “il copyright può essere violato facilmente, ma con gli NFT è più facile vedere chi ha creato l’opera.

PooBah crede che le “licenze sulle immagini potrebbero essere più permissive,” sostenendo che “le licenze aperte creano strumenti di apprendimento che consentono a chiunque di esaminare il codice sorgente e consultarlo per costruire qualcosa.” Considera i progetti NFT cloni con filosofia, citando i benefici in termini di adozione e apprendimento. Questa rimane la linea ufficiale per i fedeli della decentralizzazione.

I creatori di punk “cloni”

Ciascun creatore ha la sua storia. David Lawrence è un fotografo 29enne di Orlando che ha lanciato un progetto chiamato “Punk Portraits.” Pur approfittando del fenomeno CryptoPunks, presenta chiaramente uno stile proprio.

Punk Portrait #143. Fonte: OpenSea

Punk Portraits è CryptoPunks in carne e ossa. Sono 1.000 ‘Punk’ differenti con le stesse caratteristiche ma rappresentati da persone reali,” spiega. “Il mio obiettivo con la fotografia ritrattistica è creare immagini che rappresentano il proprio io più autentico.

È difficile giudicare qualcuno che crede davvero nella sua arte e al tempo stesso sfrutta il nome dei Punk. Lawrence è un fotografo da più di 10 anni. Punk Portraits è stato il suo “primo ingresso sia nel mondo degli NFT che in quello dell’arte immaginaria.

Per Lawrence, ovviamente Punk Portraits “non è un clone ma un derivato.

“CryptoPunks ha stabilito il gold standard per ciò che considero una collezione NFT. È semplice ma unica e ciascuna opera spicca da sola… Sono i Rolex degli NFT.”

Secondo lui, il suo lavoro è un omaggio a un’opera d’arte preferita.

Volevamo lo stesso grado di dettaglio e attrattiva, immaginando però che i punk fossero più di semplici pixel. Perché non trasformarli in una persona nella vita reale?” PooBah ne ha comprato uno, ovviamente, in segno di “protesta contro le limitazioni IP di Larva Labs.” Ad oggi, Punk Portraits non ha ricevuto avvisi di violazione della proprietà intellettuale.

Pur usando il tema dei “Punk,” Lawrence ha chiaramente uno stile proprio. Fonte: OpenSea

Peter Peterson è il creatore neozelandese di Fast Food Punks, che passa dai CryptoPunks originali a una familiare banda di caratteri incentrati sul tema di McDonalds. Inoltre, la collezione ha raccolto 574.000$ per la Ronald McDonald House negli USA, un ente di beneficenza per bambini malati.

“Nel frattempo il prezzo di ETH è aumentato, quindi il totale ammonta a circa 700.000$ in beneficenza.”

C’è del genio nelle sue creazioni, insieme a una buona dose di fortuna. Bitcoin è crollato a maggio 2021, “quindi i meme su investitori in BTC costretti a tornare a lavorare per McDonald’s sono diventati virali… rendendola una serie popolare,” racconta. “Li creavo a mano. Non avevo idea di cosa stessi facendo e li ho caricati su OpenSea. Venivano comprati all’istante.

Un altro creatore di cloni Punk, Berk Özdemir, è l’artista turco dietro a Bastard Gan Punks, e gli piace usare la metafora musicale del “remix.”

“Un remix ricontestualizza l’idea o un concetto e vi attribuisce un nuovo significato. L’originale rimane dov’è, e derivati vengono costruiti sopra di esso, a volte come variazione o come protesta. Ogni artefatto ha segni dei suoi predecessori.”

Era un fan dei CryptoPunks ma “non me li potevo permettere, quindi ho pensato di farne alcuni per me.” Le sue creazioni “sono uscite piuttosto brutte (ma fantastiche), e questo mi ha dato l’idea dei ‘bastard’, una nuova generazione nata da genitori ‘elite’. Ho iniziato a creare le loro personalità con descrizioni assurde.”

È rimasto “scioccato dall’attenzione ricevuta e dalla comunità si è sviluppata intorno al progetto.” Dopo sette mesi, ha lasciato la governance del progetto e il brand nelle mani della Bastard DAO. “Tuttavia, mi piace ancora aggiungere nuovo lore per i personaggi e generare opere derivate incoraggiando la gente a creare.

“[La longevità] dipende dall’intenzione dietro al ‘clone’ e dal prodotto finale. Se un ‘clone’ non ha alcun messaggio o punto di forza, solitamente sono semplici cash-grab. Il mercato è pieno di progetti che vogliono vendere idee copia-incolla senza avere una visione o piani.”

In effetti sembrano familiari. Fonte: Bastard Gang Punks, OpenSea

La cultura della comunità NFT ha anche un lato oscuro

Le comunità sviluppate nei gruppi Discord sono importanti per i progetti NFT. Trame attentamente curate vengono costruite per fare in modo che gli NFT non emergano dal nulla. I gruppi Discord operano per i fan nativi crypto di un artista. Prova a visitarne uno, troverai senza dubbio alcune persone dedite o persino devote in attesa di notizie su nuova arte o un possibile airdrop.

La internet meme culture è un motore di interesse chiave per gli NFT. L’umorismo è importanto per il mondo dei cloni. Prendiamo come esempio la pecora clone NFT Dolly, che deve il suo nome alla celebre pecora scozzese clonata nel 1996. Oppure la serie limitata di NFT Kimmie che raffigura il leader nordcoreano Kim Jong-Un in vari abbigliamenti, e offre anche un titolo di leadership da usare in “Kimdom.”

Gli NFT Kimmies. Fonte: Twitter

Tuttavia, come avviene con qualsiasi cosa che suscita una forte passione, questi dibattiti possono superare il limite. L’ex impiegato di Facebook “Chunke Monke” ha rivelato di aver ricevuto minacce dai sostenitori di un certo progetto NFT dopo aver pubblicato articoli critici di ciò che definisce “trademark troll” e dei loro tentativi di registrare il marchio dei propri NFT. I “trademark troll” avrebbero a loro volta attaccato il suo progetto NFT satirico. A suo avviso, questi “soggetti soffocano l’innovazione attraverso un’eccessiva protezione della proprietà intellettuale.

“Chunke Monke” è ora un forte critico delle Big Tech. È arrivato nel mondo di crypto e NFT dopo il fallimento della sua startup, trovando il Web 3.0 particolarmente affascinante. Secondo Chunke Monke, un NFT clone che registra il marchio del proprio NFT clone è un affronto all’innovazione open-source e alle “creative possibilità derivative,” ma il doxing della sua vera identità l’ha spaventato. Questa è l’estrema passione in questo campo.

Chunke Monke critica la cultura aggressiva tra alcuni progetti clone.

“Ho visto molti gruppi Discord di NFT cloni. Non sono divertenti, non c’è amore o adorazione per l’arte o per la storia perché è tutto vuoto. Non c’è alcun significato e nessuna comunità duratura.”

Tuttavia, “gli NFT parodia possono mantenere molto valore, forse più dell’originale,” se hanno un particolare senso dell’umorismo, sostiene.

I prezzi simboleggiano la rivoluzione?

Nella cultura della street art, che offre un ampio spettro da tag di teenager ribelli a serie dichiarazioni politiche, dipingere sopra il lavoro di altri fa parte delle regole. Mi è sempre sembrato che gli enormi prezzi delle vendite di opere di Banksy all’asta abbiano distorto le radici di un movimento di protesta nato sui treni di Filadelfia negli anni ‘70. In realtà, attraverso tutta la storia dell’arte, gli studenti imparavano copiando le opere dei loro maestri.

Nel mondo dell’arte, un tempo vendere magliette, tazze e grembiuli con riproduzioni di opere era sacrilego per gli artisti “seri.” È analogo agli NFT cloni di arte?

Come nell’arte tradizionale, non è vero che chi vince prende tutto. Ci sono numerosi concorrenti e molto spazio per diversi vincitori e perdenti. “Gli NFT circoleranno finché sopravvivono le blockchain,” spiega PooBah. I dibattiti sul copyright continueranno, ma “opporsi ai cloni è un po’ contro l’open-source.

Quindi, perché i cloni emulatori attirano prezzi così alti? “Pura speculazione,” afferma Kong, “comprare cloni sperando di venderli a qualcun altro per un prezzo più alto.” PooBah indica che “la pandemia ha mostrato come molte persone possono guadagnare soldi dal nulla."

Moderando queste previsioni, Chunke Monke sottolinea il motivo per cui queste valutazioni sono così difficili:

“La verità è che non ci sono risposte esatte negli investimenti in NFT, ma ci sono molte risposte sbagliate. La valutazione basata su elementi comparabili (‘Clone Punk dovrebbe avere un valore percentuale di X rispetto a CryptoPunk’) come nella finanza tradizionale non ha alcun senso.”

Per inciso, nella cultura della street art, taggare una firma scarabocchiata su una grande opera dettagliata è sempre stato sacrilego. Per il creatore di NFT cloni Özdemir, queste sono le regole:

“Incoraggio vivamente la gente a rubare la mia arte e creare cose con essa. Credo che il mondo abbia bisogno di più divertimento e idee.”