OKEx fonderà un'organo di autoregolamentazione per gli exchange di criptovalute

In un comunicato stampa condiviso con la redazione di Cointelegraph il 3 ottobre, l'exchange di criptovalute OKEx ha annunciato la creazione di un organo di autoregolamentazione con l'obiettivo l'obiettivo da standardizzare le pratiche e le politiche di conformità delle piattaforme di trading.

Un ente di autoregolamentazione globale

Secondo il comunicato, OKEx si sta già impegnando con altri gestori di exchange e mercati per formare la suddetta organizzazione, che dovrebbe avere caratteristiche simili alla World Federation of Stock Exchanges, alla FINRA degli Stati Uniti e al World Economic Forum. OKEx ha annunciato la notizia nella prima giornata del DELTA Summit tenutosi a Malta.

Gli exchange membri collaboreranno per definire e rispettare gli standard che promuovono l'adozione di asset digitali e l'informazione di governi e regolatori e svilupperanno metriche e criteri per trading, listing e rapporti. ANdy Cheung, Head of Operations di OKEx, ha commentato lo sviluppo:

“Le criptovalute sono globali e decentralizzate, e l'industria rimane ancora nascente, quindi regolamentare da giurisdizione in giurisdizione non è sufficiente. [...] L'unico modo che gli exchange hanno per crescere e avere un impatto è quello di unirsi per sviluppare pratiche e politiche in grado di stabilire uno standard globale e adattarsi ai quadri normativi regionali."

Collaborazione tra exchange e governi

L'autore del rapporto osserva che gli exchange di criptovalute dovranno "chiarire le loro pratiche e procedure operative al fine di cooperare al meglio con i governi e incoraggiare l'innovazione in questo settore". Il responsabile della strategia internazionale e dell'innovazione di OKEx Enzo Villani ha affermato che l'azienda è già in trattativa con altre piattaforme di trading:

"Stiamo discutendo con altri exchange e partecipanti al mercato affinché si uniscano a noi per formare un ente di autoregolamentazione globale."

In un'intervista esclusiva con Cointelegraph, Villani ha anche osservato che, nonostante siano in diretta competizione, gli exchange di criptovalute dovrebbero combattere insieme per formare un terreno equo in cui combattere.

Come riportato da Cointelegraph, a febbraio il Commissioner della Commodity and Futures Trading Commission statunitense Brian Quintenz ha affermato che i partecipanti al settore delle criptovalute dovrebbero creare un organo di autoregolamentazione.