Vice primo ministro russo: il disegno sulle criptovalute non subirà emendamenti "significative"

Il vice primo ministro russo Maxim Akimov ha annunciato che gli autori del disegno di legge sulle criptovalute non hanno in programma di apportare alcuna modifica alla proposta. La sua dichiarazione è stata riportata l'11 dicembre dall'agenzia di notizie russa Finmarket.

Il disegno di legge "On Digital Financial Assets", approvato dalla Duma di Stato a maggio, ha suscitato molte discussioni all'interno della scena politica sin dalla sua prima lettura. Qualche mese fa, tutte le terminologie relative a criptovalute e token erano state sostituite con il termine "diritti digitali" e la definizione di mining era stata rimossa completamente dalla proposta.

Tuttavia, all'inizio di dicembre, il capo del consiglio Pavel Krasheninnikov ha affermato che il disegno di legge è stato riportato alla fase della prima lettura, in quanto doveva essere modificato "in modo significativo".

Questa settimana, però, il vice primo ministro ha sottolineato che non ci sarà alcun emendamento significativo alla proposta, come riporta Finmarket. Akimov ha inoltre osservato:

"Stiamo discutendo molto con tutte le parti interessate, stiamo dialogando e discutiamo spesso in varie sedi[...] [Ma] aderiamo alla posizione che è stata elaborata dalle due commissioni [Commissione finanziaria e Commissione per i Diritti Civili] della Duma di Stato. "

Per quanto riguarda le possibilità di creare una regolamentazione relativa alle stablecoin, Akimov ha osservato che questa forma di legislazione "potrebbe duplicare i meccanismi standard per la raccolta di fondi":

"Non è il caso che vengano sconvolte tutte le leggi civili. Questi strumenti devono essere inseriti con molta attenzione nella legislazione civile [esistente], cosa che stiamo cercando di fare ".

Il mese scorso, il presidente della Commissione per i Mercati Finanziari della Duma di Stato Anatoly Aksakov ha affermato che il "crypto rublo", una stablecoin supportata dallo stato, sarebbe "lo stesso rublo, solo sotto forma di criptovaluta".