Il colosso bancario svizzero Julius Baer fornirà servizi basati su asset digitali ai suoi clienti

La banca svizzera Julius Baer ha in programma di fornire ai propri clienti l'accesso a diversi servizi relativi agli asset digitali, grazie ad una partnership con la startup Seba Crypto rivelata in un comunicato stampa del 26 febbraio.

La partnership entrerà in effetto quando Seba avrà ricevuto una licenza di rivenditore di security e una licenza bancaria dall'Autorità Federale di Vigilanza sui Mercati Finanziari. La banca svizzera inizierà quindi a offrire soluzioni di archiviazione, transazione e investimento di asset digitali in collaborazione con la startup.

L'annuncio rivela inoltre che il gigante bancario è uno degli azionisti di minoranza di Seba dallo scorso anno.

Secondo un comunicato stampa di Seba, l'elezione di Peter Gerlach, Head of Markets presso la banca Julius Baer, ​​nel Consiglio di amministrazione di Seba sarà proposta agli azionisti della compagnia il 20 marzo.

L'annuncio riporta i commenti di Gerlach:
 

"A Julius Baer, ​​siamo convinti che gli asset digitali diventeranno una valida classe di investimento sostenibile del portafoglio di un investitore."

Seba Crypto, che mira a diventare una banca capace di offre servizi relativi alle criptovalute, ha raccolto 100 milioni di franchi svizzeri (circa 99,8 milioni di dollari) a tal scopo nel mese di settembre.

Nel suo rapporto del 2018, Julius Baer ha dichiarato di gestire asset per un totale di 382,1 miliardi di franchi svizzeri (circa 381,6 miliardi di dollari) 

Come riportato da Cointelegraph, Seba Crypto ha già siglato un accordo con la banca svizzera Hypothekarbank Lenzburg AG, al fine di utilizzare il  sistema bancario Finstar.

Inoltre, pare che la Borsa di Zurigo testerà l'integrazione della tecnologia blockchain nella sua imminente piattaforma di trading digitale SDX, prevista per la seconda metà di quest'anno.