Telegram avvia una fase privata di beta testing per la propria blockchain

La popolare applicazione di messaggistica Telegram ha avviato una fase privata di beta testing per la propria blockchain, il Telegram Open Network (TON): la notizia è stata recentemente riportata dal portale d'informazione russo Vedomosti.

Per il momento, Telegram ha fornito libero accesso alla versione di prova di TON ad un numero limitato di sviluppatori internazionali. Stando ad alcune fonti anonime che hanno già potuto provare la rete con mano, agli sviluppatori è anche stata concessa la creazione di nuovi nodi.

Questi tester svelano inoltre che la TON Blockchain ha dimostrato "velocità di transazione estremamente elevate": non sono tuttavia forniti ulteriori dettagli, in quanto il codice alla base della rete, compreso quello relativo agli smart contract, non era ancora stato finalizzato.

Telegram, servizio di messaggistica incentrato sulla privacy, è stato fondato nel 2013 dai fratelli Nikolai e Pavel Durov: a marzo dello scorso anno, il numero di utilizzatori attivi aveva superato i 200 milioni. Recentemente la piattaforma ha guadagnato tre milioni di utenti in un solo giorno, quando Facebook, Instagram e WhatsApp sono improvvisamente risultati non raggiungibili in molte parti del pianeta.

Nei primi mesi del 2018, Telegram ha ottenuto un finanziamento di 1,7 miliardi di dollari grazie a due Initial Coin Offering (ICO) private, al fine di finanziare lo sviluppo della piattaforma TON.