Terminali per lo scambio di criptovalute messi alla prova dai leader dell'industria istituzionale

Una società che ha creato un terminale per lo scambio di criptovalute e una tecnologia di conformità di ultima generazione ha iniziato a distribuire le prime versioni del suo hardware ai leader del settore in tutto il mondo.

 

Blockchain Terminal ha dichiarato che diversi terminali in versione alpha sono già in uso, e in questo momento a New York vengono costruiti 200 dispositivi beta.

Quest'hardware raggruppa i dati di mercato di oltre 60 exchange, oltre ai dettagli delle ICO in arrivo, per fornire agli investitori l'accesso a centinaia di criptovalute in un "ambiente sicuro e monitorato".

Il presidente della compagnia Bob Bonomo, che in passato ha lavorato come direttore informatico presso due delle più grandi società di gestione di asset dell'America, ha dichiarato a Cointelegraph: "Non siamo un white paper, siamo prodotto realmente esistente".

"Cerchiamo di portare stabilità, responsabilità e trasparenza in questo nuovo ed entusiasmante ecosistema e nella comunità delle monete digitali."

Aiutare gli investitori istituzionali ad adottare le criptovalute

Secondo Blockchain Terminal, con l'aumentare dei prezzi delle criptovalute la maggior parte dell'industria dei fondi speculativi è rimasta indietro: molte istituzioni non possono comprare, scambiare e investire perché non sono dotate degli strumenti necessari per analizzare questi asset e completare delle transazioni. Come se non bastasse, i sistemi esistenti per il trading di criptovalute non possono garantire quella conformità di cui il settore ha disperatamente bisogno.

La compagnia sostiene che creare una connessione tra i mercati delle criptovalute e gli investitori istituzionali è possibile, grazie a ComplianceGuard, un'applicazione creata proprio per superare gli stringenti standard imposti dai fondi speculativi. Secondo Blockchain Terminal, questa tecnologia fornisce agli investitori gli avvisi, le capacità di revisione e le garanzie di cui hanno bisogno per "effettuare acquisti di criptovalute in modo sicuro".

Avere a disposizione un wallet consolidato permette di utilizzare lo stesso account per scambiare su dozzine di exchange. L'ecosistema di Blockchain Terminal è dotato di uno store per applicazioni open-source, alimentato da una comunità di sviluppatori molto attiva che sviluppa ogni giorno nuovi programmi che vanno incontro alle necessità di diversi investitori. È stato anche creato un token di utility, chiamato BTC, che verrà utilizzato per completare tutte le funzioni fornite dal terminale.

Blockchain Terminal sta lanciando il suo prodotto in un periodo in cui i fondi speculativi stanno avendo una crisi di fiducia, a causa delle imposte elevate e delle scarse prestazioni, che si traducono in un danno industriale stimato circa 112 mld di dollari.

L'autunno scorso, un sondaggio condotto da BarclayHedge ha rivelato che un fondo speculativo su quattro ha investito in criptovalute o intende farlo entro sei mesi, a riprova della crescita di momentum che stanno avendo tali asset.

Previsti nuovi miglioramenti ai terminali

Durante la fase di test dei primi terminali Blockchain, la compagnia sta già pensando a nuove caratteristiche da introdurre in futuro. Inizialmente, i dispositivi saranno dotati di porte USB per garantire la compatibilità con i wallet hardware e, successivamente, l'interfaccia verrà resa disponibile anche su smartphone e tablet, per far sì che agli investitori istituzionali basti un tocco per accedere agli ultimi dati del mercato.

L'Initial Coin Offering di Blockchain Terminal terminerà il 30 aprile. Secondo la compagnia, le prime fasi della crowdsale, che ha compreso anche una prevendita privata, hanno avuto un immenso successo.

La compagnia spera di lanciare la versione definitiva del suo terminale entro il prossimo autunno. Subito dopo il lancio, i potenziali usi della piattaforma verranno ulteriormente sostenuti dall'integrazione di app di terze parti.

Durante le ultime settimane, il team di Blockchain Terminal ha partecipato a diverse conferenze sulle criptovalute in Europa, Asia, America del Nord e Medio Oriente.

 

Disclaimer. Cointelegraph non è responsabile dei contenuti o dei prodotti presenti in questa pagina. Nonostante il nostro obbiettivo sia quello di fornirvi tutte le informazioni più importanti che riusciamo ad ottenere, i lettori dovrebbero condurre le proprie ricerche prima di intraprendere qualsiasi azione relativa alla compagnia e assumersi la piena responsabilità delle loro decisioni, questo articolo non è da considerarsi come consiglio di investimento.