Comitato del Tesoro del Regno Unito: bisogna mettere un freno alla 'situazione da far west' dei mercati delle criptovalute

Il Comitato del Tesoro del Regno Unito ha richiesto maggiori regolamentazioni per il settore delle monete digitali, alla scopo di proteggere gli investitori dalla forte volatilità dei prezzi, scarsa protezione dei consumatori, attacchi informatici e riciclaggio di denaro.

Secondo quanto riportato da BBC, il Comitato ha inoltre incoraggiato la Financial Conduct Authority (FCA) a monitorare le criptovalute, nonostante al momento l'istituzione governativa non possa per legge regolamentare questa industria.

Nicky Morgan, a capo del Comitato del Tesoro, ha affermato che "è insostenibile per il governo e gli organi regolatori continuare a lanciare deboli allarmi ai potenziali investitori, astenendosi tuttavia dall'agire". L'uomo ha poi aggiunto che le normative dovrebbero per lo meno far fronte al problema della protezione dei consumatori e del riciclaggio di denaro.

"Mentre governo e regolatori decidono se consentire a questa situazione da far west di continuare, o se al contrario introdurre normative, i consumatori rimangono senza alcuna protezione".

CryptoUK, associazione commerciale autoregolamentata dedicata all'industria delle criptovalute, ha prontamente risposto ai suggerimenti del Comitato. Iqbal Gandham, presidente dell'associazione, ha infatti dichiarato che "la supervisione regolamentare è essenziale per assicurare la sicurezza dei consumatori, proteggendoli dalle irregolarità e offrendo la necessaria trasparenza ad una industria in rapida crescita".

A maggio, CryptoUK ha sostenuto la necessità di implementare normative favorevoli alle criptovalute, che si concentrino in particolar modo sui broker e sulle piattaforme di trading piuttosto che sulle monete stesse.