Un deputato statunitense introdurrà un disegno di legge per favorire la distribuzione di asset digitali

Il rappresentante statunitense Tom Emmer intende introdurre una nuova legge per fornire maggiore certezza normativa alle criptovalute.

In data 24 ottobre, il deputato Tom Emmer ha annunciato l'introduzione di una nuova legge che possa fornire un percorso chiaro verso la certezza normativa nel settore delle criptovalute e di altre tecnologie emergenti.

Il disegno di legge consentirebbe alle compagnie già conformi alle leggi sui titoli azionari, o che hanno già acquisito un'esenzione da tali normative, di distribuire i propri asset senza che vengano sottoposti ad ulteriori regolamentazioni.

Stando ad un messaggio pubblicato su Twitter da Weiss Crypto Ratings, la nuova legge permetterebbe alle aziende conformi ai requisiti imposti dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti di ottenere protezione legale da alcune delle misure coercitive dell'organo di regolamentazione. In particolare, Emmer ha dichiarato nel proprio annuncio:

"Le compagnie che hanno fino ad oggi seguito le nostre regole, anche se contorte, meritano la certezza di poter offrire i propri asset digitali al pubblico, contribuendo alla realizzazione di un network veramente decentralizzato. Spero che questa legge imparziale ottenga forte supporto, aiutando a garantire investimenti negli Stati Uniti per queste straordinarie tecnologie."

A luglio, Emmer ha nuovamente introdotto nella Camera dei Rappresentanti la propria proposta di legge Safe Harbor for Taxpayers with Forked Assets, al fine di promuovere la crescita del settore blockchain negli Stati Uniti riducendo la necessità delle aziende di comprendere appieno tutte le leggi fiscali. "I contribuenti possono operare conformemente alla legge soltanto quando la legge è chiara", aveva al tempo dichiarato il politico.

Domande per Mark Zuckerberg

La scorsa settimana, Emmer ha interrogato il CEO di Facebook Mark Zuckerberg, che ha testimoniato dinanzi al Comitato per i Servizi Finanziari relativamente al progetto Libra.