Lo Stato americano dello Utah considera incentivi per i business operanti nel settore blockchain

Lo Utah sarà il primo Stato americano a considerare un trattamento di favore per le aziende operanti nel settore blockchain, grazie ad una proposta di legge che verrà esaminata oggi, in data 4 marzo.

Presentata lo scorso mese dal senatore repubblicano Daniel Hemmert, il "Blockchain Technology Act" (Bill 0213) mira ad escludere i business legati alla blockchain dagli obblighi relativi alla trasmissione di denaro.

"Questa normativa [...] definisce e chiarisce i termini riguardanti la tecnologia blockchain, ed esonera gli individui che promuovono la creazione, lo scambio o la vendita di certi prodotti connessi alla blockchain", recita la proposta di legge.

All'interno della medesima normativa, Hemmert pianifica di realizzare una speciale task force pienamente dedicata a questa tecnologia, che possa amministrare progetti pilota e successivamente riferire i risultati conseguiti al governo:

"Entro il 30 novembre 2019, la task force dovrà presentare un resoconto su scoperte e suggerimenti, comprese eventuali proposte di legislazione."

Al contrario, giurisdizioni come quella del North Carolina e di New York richiedono da tempo il completamento di severe procedure di autorizzazione per poter operare nel settore delle criptovalute.