Il 40% degli investitori istituzionali crede nel potenziale della blockchain, svela un sondaggio

Il 40% degli investitori istituzionali crede che la blockchain possa essere una tecnologia rivoluzionaria al pari di internet: lo rivela un sondaggio condotto dal Global Blockchain Business Council (GBBC), e condiviso con Cointelegraph in data 24 gennaio.

Le opinioni dei 71 investitori presi in esame, che GBBC ha interrogato nel corso degli ultimi due mesi, sono state svelato durante la conferenza World Economic Forum (WEF) di Davos, in Svizzera

Circa un terzo degli intervistati crede che le aziende dovranno trovare un esperto di blockchain per i propri consigli d'amministrazione entro i prossimi cinque anni. Il 38% ritiene inoltre che, nel medesimo arco di tempo, le compagnie sveleranno agli investitori il proprio approccio nei confronti di questa tecnologia.

"Non vi è alcun dubbio sul potenziale impatto che la blockchain potrebbe avere in numerosi settori, nonché in ambiti fondamentali della vita di tutti giorni", ha commentato Sandra Ro, CEO del GBBC, durante il WEF,

"Le aziende vincenti del futuro saranno quelle con una strategia chiara e completa per la blockchain, e quelle che si impegneranno ad implementare e utilizzare questa tecnologia per trasformare le proprie organizzazioni."

Questa settimana, un simile sondaggio condotto dalla società di ricerca PollRight ha svelato che il 63% dei dirigenti d'azienda ha una scarsa comprensione della blockchain. Il 30% possiede invece una conoscenza "media" su questa tecnologia emergente, e soltanto il rimanente 7% può vantare una "buona" competenza in materia.