La quantità di Ether bloccata nelle app DeFi continua a crescere, nonostante il crollo dei prezzi

Secondo il sito di monitoraggio DeFiPulse, la quantità di Ether (ETH) bloccata nelle applicazioni di finanza decentralizzata (DeFi) ha raggiunto il massimo storico di 2,7 milioni, ed è in continua crescita da fine giugno.

Di questi 2,7 milioni di ETH, 2,1 milioni (il 77%) sono bloccati all'interno di Maker, il sistema dietro la stablecoin DAI.

Inoltre, 337.800 ETH (12,5%) sono bloccati nell'applicazione di lending decentralizzato Compound. L'ether rimanente è invece suddiviso tra le applicazioni DeFi più piccole, tra cui exchange decentralizzati derivati ​​finanziari.
 

Ether locked in DeFi applications

Ether bloccato nelle applicazioni DeFi. Fonte: DeFiPulse

Il settore DeFi cresce nonostante le condizioni del mercato

Il grafico annuale del valore in dollari degli asset bloccati nelle applicazioni DeFi evidenzia una certa correlazione con il prezzo di Ether, anche se non dipende interamente da esso. Quando il prezzo di Ether è crollato dopo aver raggiunto il suo picco a luglio, il valore degli asset bloccati nelle app DeFi è stato sì influenzato, ma solo temporaneamente.

Ha infatti ripreso la sua crescita dopo poco tempo, mentre il prezzo della moneta continuava a calare. Anche se dopo agosto la correlazione tra i due asset è diminuita drasticamente, esaminando periodi più corti si evince che il prezzo di Ether influenza ancora il valore dei fondi bloccati.

La scorsa settimana, il valore totale degli asset bloccati in tali app è diminuito insieme al prezzo di Ether. Al momento della stesura di questo articolo, si aggira sui 619,7 milioni di dollari, in calo rispetto al massimo storico di 675,6 milioni riportato il 21 novembre.

The total value of crypto assets locked in DeFi applications

Valore totale dei cryptoasset bloccati nelle applicazioni DeFi. Fonte: DeFiPulse

Nel complesso, oltre il 48% (302,5 milioni di dollari) è bloccato in Maker, il 23,8% nella Dapp di derivati Synthetix e il 15,2% in Compound. Il restante 15,2% dei fondi è invece distribuito tra le altre applicazioni minori.

Maker, l'applicazione che detiene quasi la metà di tutti i fondi bloccati nelle app DeFi, ha da poco subito un importante aggiornamento. Come riportato da Cointelegraph il 18 novembre, Maker ha lanciato una versione aggiornata della sua stablecoin DAI, che può essere ora supportata da diversi tipi di collaterali.