Santander intende esplorare il potenziale della tecnologia blockchain nel trading di security

In un comunicato stampa dell'11 luglio, il gruppo bancario spagnolo Banco Santander ha annunciato la creazione di un gruppo di ricerca blockchain destinato ad esaminare il potenziale della tecnologia di rivoluzionare il trading di security.

Il team "Digital Investment Banking", guidato dall'attuale leader del blockchain lab di Santander John Whelan "esplorerà l'uso di security tokenizzate nei mercati di derivati, capitale di debito e altri prodotti".

Da quando nel 2016 abbandonò il progetto DLT del consorzio R3, la multinazionale del settore bancario ha seguito la propria strada verso l'integrazione della tecnologia blockchain.

José M. Linares, vicepresidente esecutivo di Santander e responsabile globale di Santander Corporate & Investment Banking, ha osservato che "l'ondata di digitalizzazione che si sta verificando nell'industria finanziaria sta accelerando":

"I nostri clienti si aspettano che ciò si traduca in soluzioni migliori, costi inferiori e nuove categorie di prodotti e servizi che consentano loro di accedere ai mercati dei capitali in modo più efficiente che mai."

Anche se questo mese diverse fonti del settore bancario hanno espresso vari dubbi riguardo al potenziale delle blockchain, Santander rimane convinta a sfruttare la tecnologia.

Ad aprile, la banca ha sperimentato il suo servizio di rimesse basato su tecnologia blockchain in partnership con Ripple.