Ben 13 Stati non potranno utilizzare Binance.US al lancio

Binance.US, divisione del popolare exchange di criptovalute Binance con sede negli Stati Uniti, ha annunciato che l'apertura delle registrazioni degli account non includerà New York, Washington, Florida e altri dieci Stati.

Stando ad un post pubblicato sul blog ufficiale dell'azienda, le registrazioni verranno attivate alle 8:00 ET (14:00 in Italia) di oggi. Saranno tuttavia esclusi i residenti in Alabama, Alaska, Connecticut, Florida, Georgia, Hawaii, Idaho, Louisiana, New York, North Carolina, Texas, Vermont e Washington. La compagnia si scusa per l'inconveniente:

"Siamo consapevoli del fatto che non offrire Binance.US in questi Stati possa risultare irritante. [...] Tuttavia vi assicuriamo che questo è soltanto l'inizio, la nostra missione è fornire accesso anche a coloro che vivono nei territori sopracitati."

Trading gratuito in occasione del lancio

Una volta avviato il processo di registrazione, Binance.US inizierà ad accettare trasferimenti in entrata di Bitcoin (BTC), Ether (ETH), XRP, Bitcoin Cash (BCH), Litecoin (LTC), Tether (USDT) e USD, "previa appropriata verifica dell'account". Inoltre, la compagnia conferma che il trading non richiederà il pagamento di alcuna tariffa aggiuntiva fino al primo novembre.

L'annuncio sottolinea che i trade effettuati su Binance.US saranno totalmente separati da Binance.com: si tratta infatti di un'azienda autonoma, gestita da BAM Trading Services. Per tale motivo, i fondi degli utenti statunitensi verranno depositati all'interno di wallet appartenenti a Binance.US.

Questo mese Binance ha lanciato due nuove piattaforme, denominate Futures A e Futures B, per testare il trading di future. L'iniziativa ha riscosso un enorme successo: il volume giornaliero di trading ha infatti superato i 150 milioni di dollari, denominati in Tether (USDT).