Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, EOS, Stellar, Litecoin, Cardano, Monero, TRON: Analisi dei prezzi, 14 novembre

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Dopo mesi di stabilità, le criptovalute sono nuovamente sotto attacco da parte dei ribassisti: la capitalizzazione di mercato è crollata a 188 miliardi di dollari. Si tratta di un segnale fortemente negativo, poiché al termine di lunghi movimenti range bound i venditori hanno avuto la meglio.

Nessuna moneta è stata risparmiata, e gran parte delle criptovalute principali mostrano ribassi che vanno dal 9 al 18 percento. L'esatta ragione del crollo è ancora sconosciuta, ma il CEO di BKCM Brian Kelly crede che possa essere stato scatenato dall'incertezza legata alla hard fork di Bitcoin Cash.

Come dovrebbero approcciarsi i trader a questo nuovo sviluppo? È tempo di acquistare a basso prezzo, oppure dovremmo rimanere in disparte e attendere? Scopriamolo dando un'occhiata ai grafici.

BTC/USD

Il crollo del Bitcoin al di sotto della trendline ha innescato ulteriori vendite, spingendo il prezzo della moneta ad un nuovo minimo annuale. Poiché i prezzi sono scesi sotto quota 5.900$, lo stop loss da noi suggerito è stato attivato. Attualmente i rialzisti stanno tentando di spingere la moneta sopra i 5.900$, ma ogni piccolo pullback viene immediatamente venduto.

BTC/USD

Nel caso in cui i ribassisti riuscissero a mantenere la moneta sotto i 5.900$, il prossimo crollo della coppia BTC/USD potrebbe portare il prezzo a 5.450$, e sotto ancora a 5.000$. Al contrario, se i rialzisti ottenessero un pullback, la criptovaluta potrebbe nuovamente tornare sopra la trendline.

A volte, la prima mossa dopo un consolidamento è un finto sviluppo. I prossimi giorni saranno estremamente importanti per la moneta, in quanto determineranno la prossima direzione dei prezzi. Se i rialzisti riusciranno a sfruttare il breakdown e a spingere i prezzi ancora più in basso, è meglio rimanere in disparte e attendere il termine del declino. Ma se questo non dovesse accadere, mostrerebbe la presenza di una domanda ai livelli più bassi.

Suggeriamo pertanto ai trader di attendere qualche altro giorno, così da avere una visione più chiara del mercato.

ETH/USD

Nonostante Ethereum sia sceso al di sotto del supporto a 188$, non è scivolato fino al minimo infragiornaliero del 12 settembre a 167$. Attualmente i rialzisti stanno tentando di spingere la moneta verso l'alto, mostrando un certo desiderio d'acquisto ai livelli più bassi.

ETH/USD

Se la coppia ETH/USD riuscisse a rimanere sopra quota 188$, si tratterebbe di un segnale positivo, in quanto il mercato ha rifiutato il livelli inferiori. D'altra parte, se il pullback corrente dovesse affrontare un'altra ondata di vendite, è lecito aspettarsi un ulteriore crollo fino ai supporti a 136$ e 110$.

Apprezziamo che la moneta non abbia toccato un nuovo minimo, ma è ancora troppo presto per procedere con l'acquisto. Per il momento è meglio rimanere in disparte e attendere.

XRP/USD

La ripresa di Ripple è del tutto sfumata, scivolando al di sotto delle medie mobili e dell'area di supporto fino a toccare quota 0,40$. Così facendo ha anche innescato il nostro stop loss a 0,45$.

XRP/USD

Attualmente la coppia XRP/USD ha recuperato parte delle perdite, e sta ora tentando di tornare sopra le medie mobili. La moneta otterrà nuova forza al superamento della breve downtrend line.

In basso, il supporto critico al quale bisognerà prestare attenzione di trova a 0,37198$. Se tale livello non dovesse reggere, il prossimo supporto si trova molto più in basso: a 0,24508$.

BCH/USD

Prestazioni particolarmente deludenti per Bitcoin Cash: le vendite si sono accentuate al di sotto del ritracciamento Fibonacci 61,8% a 500$ e della SMA a 50 giorni. Il nostro stop loss a 480$ è stato innescato, e il panico ha spinto la coppia BCH/USD verso il basso fino a toccare quota 423$, dove è infine emerso un fiacco desiderio d'acquisto.

BCH/USD

Data l'incertezza dell'imminente hard fork, consigliamo ai trader di non aprire nuove posizioni, ma al contrario di attendere che si calmino le acque prima di decidere se procedere o meno con l'acquisto.

EOS/USD

EOS è sceso al di sotto del range, scivolando fino al supporto critico a 4,4930$. Questo ha innescato il nostro stop loss a 4,90$.

EOS/USD

Attualmente i rialzisti stanno tentando di fornire supporto a 4,4930$: se questo livello dovesse reggere, potremmo assistere ad un pullback a 5$. Se al contrario la moneta continuasse a scendere, non andrebbe escluso un nuovo test del supporto critico a 3,8723$.

La EMA a 20 giorni è in calo, e l'RSI mostra quasi che la moneta è stata venduta in maniera eccessiva: attualmente il mercato è chiaramente nelle mani dei ribassisti. Consigliamo di attendere che la coppia EOS/USD si stabilizzi prima di aprire nuove posizioni long.

XLM/USD

Attualmente Stellar viene scambiato all'interno di un canale ascendente, scivolando dal limite superiore a quello inferiore di tale intervallo. Prevediamo un solido supporto nell'area compresa fra 0,22 e 0,225$, dove sono presenti sia la linea di supporto del canale che la downtrend line del triangolo discendente.

XLM/USD

Se la coppia XLM/USD dovesse scendere al di sotto del canale, entrando nuovamente nel triangolo, si tratterebbe di uno sviluppo negativo. I trader dovrebbero pertanto difendere le proprie posizioni mantenendo gli stop loss a 0,22$.

Se il supporto del canale dovesse reggere, i rialzisti tenteranno di spingere gradualmente la moneta a 0,30$. Le medie mobili sono piatte e l'RSI è leggermente negativo: ci aspettiamo un periodo di consolidamento nel breve periodo.

LTC/USD

Litecoin ha raggiunto un nuovo minimo annuale. Nel corso della giornata di ieri la moneta ha tagliato l'area di supporto compresa fra 49,466$ e 47,246$, scivolando fino a quota 42,758$. Questi movimenti hanno anche innescato il nostro stop loss a 50$.

LTC/USD

Nel caso in cui i ribassisti riuscissero a mantenere il prezzo sotto i 47,246$, il valore della coppia LTC/USD potrebbe raggiungere i 40$, e successivamente i 32$.

D'altra parte, se la moneta riuscisse ad ottenere un rimbalzo e a superare quota 49,466$, indicherebbe la presenza di un desiderio d'acquisto ai livelli inferiori. Tuttavia attualmente la criptovaluta rimane negativa, e ne sconsigliamo pertanto il trading.

ADA/USD

Incapace di superare la SMA a 50 giorni, Cardano ha sfondato il supporto del range a 0,068989$, scivolando fino il livello critico a 0,060105$.

ADA/USD

Se nemmeno il supporto a 0,060105$ dovesse reggere, la coppia ADA/USD potrebbe scivolare fino a quota 0,043722$. Attualmente i rialzisti stanno tentando di spingere i prezzi sopra i 0,068989$: in caso di successo, la criptovaluta tornerebbe all'interno del range, oscillando fra 0,060105$ e 0,082207$.

XMR/USD

La vendita di Monero si è fatta più intensa sotto il supporto a 100,453$. Il valore della moneta è crollato fino a 85,039$, dove sono apparsi i primi acquirenti.

XMR/USD

Attualmente la coppia XMR/USD sta tentando di tornare sopra i 100,453$: in caso di successo, assisteremmo al proseguimento dei movimenti range bound.

Al contrario, se il rimbalzo dovesse incontrare ulteriori vendite ai livelli più alti, un nuovo test del livello a 81$ diverrebbe probabile. La EMA a 20 giorni è in calo e l'RSI è negativo: nel breve periodo saranno il vantaggio sarà dei ribassisti. Consigliamo pertanto ai trader di attendere la stabilizzazione dei prezzi, e la formazione di una traiettoria verso l'alto, prima di procedere con l'apertura di nuove posizioni long.

TRX/USD

TRON ha sfondato il limite inferiore del range, raggiungendo il supporto critico a 0,0183$. Questo livello è stato difeso già in due diverse occasioni, e difficilmente verrà infranto.

TRX/USD

Se tuttavia il supporto a 0,0183$ non dovesse reggere, la coppia TRX/USD potrebbe scivolare fino al livello inferiore a 0,00844479$. Se invece il supporto dovesse reggere, prevediamo un proseguimento dei movimenti range bound fra 0,0183$ e 0,02815521$.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.