Italiano

Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, EOS, Stellar, Litecoin, Cardano, Monero, TRON: Analisi dei prezzi, 12 ottobre

2328 Total views
10 Total shares

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Lo scorso anno il Bitcoin (BTC) veniva considerato un'alternativa all'oro: molti credevano infatti che presto la criptovaluta avrebbe rimpiazzato il metallo prezioso come soluzione d'investimento a basso rischio.

Tuttavia, durante il recente crollo del mercato azionario, anche le criptovalute sono state vendute in maniera aggressiva. Questo significa che le monete digitali non verranno mai considerate buoni investimenti per proteggere i propri fondi?

Difficile a dirsi. In passato anche l'oro infatti ha dovuto affrontare delle vendite parallelamente ai ribassi della borsa tradizionale. Ad esempio nel 2008 l'oro ha registrato un downtrend per quasi l'intero anno, ottenendo dei rialzi significativi soltanto durante l'ultimo trimestre.

Pertanto è ancora troppo presto per affermare se le criptovalute possono o meno essere considerate un investimento sicuro. Quel che è certo è che coloro che non comprendono l'importanza delle nuove tecnologie continueranno a criticarle.

Altri, come governi e importanti corporazioni, stanno invece studiando l'utilizzo della tecnologia blockchain in svariati settori. Recentemente anche parecchie università statunitensi hanno iniziato ad investire milioni di dollari in fondi per criptovalute.

Dopo l'ultimo crollo dei mercati delle monete digitali, cosa rivelano i grafici? Scopriamolo!

BTC/USD

In data 11 ottobre il Bitcoin è sceso al di sotto del supporto a 6.341$. Avevamo previsto un nuovo test dell'area critica di supporto compresa tra 5.900$ e 6.075$, ma i rialzisti stanno già tentanto di ottenere un pullback.

In caso di chiusura sopra i 6.341$, la coppia BTC/USD potrebbe ottenere un nuovo breakout dalla downtrend line del triangolo discendente. I rialzisti dovranno tuttavia superare numerose resistenze prima di riuscire ad invertire il trend. Un'impennata sopra i 6.831,99$ indicherebbe l'inizio di un nuovo uptrend.

Al contrario, un breakdown sotto quota 5.900$ innescherebbe svariati stop loss, portando ad un rapido crollo. Al momento le medie mobili sono piatte e l'RSI è in negativo: questo mostra un leggero vantaggio da parte dei ribassisti.

Consigliamo pertanto di mantenere i propri stop loss a 5.900$. I prossimi giorni saranno estremamente importanti, e potranno far luce sulla direzione futura della moneta.

ETH/USD

Il trading range bound di Ethereum è terminato con un movimento verso il basso, che ha sfondato il supporto a 200$. I rialzisti stanno ora tentando di ottenere un rimbalzo da quota 188$.

Entrambe le medie mobili sono in calo e l'RSI è in negativo: attualmente il mercato è nelle mani dei ribassisti. Un breakdown da 188,35$ potrebbe portare ad un crollo verso il minimo del 12 settembre, a 167,32$.

La coppia ETH/USD diverrà più forte e mostrerà i primi segnali d'inversione del trend soltanto al superamento di quota 249,93$. Fino ad allora i trader dovrebbero rimanere in disparte e attendere.

XRP/USD

Ripple è sceso sotto il supporto a 0,4255$, attivando il nostro stop loss. Il prezzo è scivolato fin sotto la SMA a 50 giorni, trovando supporto attorno al ritracciamento 78,6%.

In alto, l'area compresa tra 0,4255$ e la EMA a 20 giorni rappresenta una forte resistenza. La EMA ha iniziato ad abbassarsi e l'RSI è negativo: assisteremo a forti pressioni di vendita nel breve periodo.

Nel caso in cui i ribassisti riuscissero a spingere i prezzi sotto i minimi dell'11 ottobre, la coppia XRP/USD potrebbe registrare un crollo fino a 0,2691$, completando il ritracciamento 100% dei recenti rialzi. Il primo segnale di forza sarà il superamento della downtrend line.

BCH/USD

I rialzisti stanno tentando di mantenere Bitcoin Cash all'interno del triangolo simmetrico. Un breakdown da tale triangolo e dal minimo infragiornaliero a 408,018$ potrebbe far riprendere il downtrend. In basso, il prossimo supporto si trova a 300$.

Nel caso in cui i rialzisti riuscissero a difendere la linea di supporto del triangolo, la coppia BCH/USD potrebbe ancora una volta tentare di raggiungere quota 530$.

La EMA a 20 giorni è leggermente in calo e l'RSI è negativo: questi due valori suggeriscono che al momento il mercato è nelle mani dei ribassisti. Consigliamo ai trader di mantenere gli stop loss per le proprie posizioni long a 400$.

EOS/USD

Dopo essere rimasto aggrappato alla resistance line del triangolo simmetrico per circa tre giorni, in data 11 ottobre EOS ha registrato un crollo che ha spinto la moneta sotto le medie mobili e la trendline del triangolo.

Al momento i rialzisti stanno tentando di difendere quota 5$: sotto tale livello potremmo assistere ad un ribasso fino a 4,49$. I trader dovrebbero pertanto proteggere le proprie posizioni long con uno stop loss a 4,9$. La coppia EOS/USD attirerà nuovi acquirenti in caso di breakout dall'area di resistenza compresa tra 6,044$ e 6.3117$.

XLM/USD

Il crollo di Stellar ha innescato lo stop loss da noi suggerito a 0,21$. Il tentativo di pullback corrente potrebbe tuttavia incontrare delle resistenze alla SMA a 50 giorni e alla EMA a 20 giorni.

La coppia XLM/USD renderebbe invalido il triangolo discendente in caso di chiusura al di sopra della downtrend line. Si tratterebbe di un segnale positivo: potremmo pertanto suggerire l'apertura di posizioni long al superamento di quota 0,26$.

In basso, un breakdown sotto i minimi infragiornalieri del 10 ottobre potrebbe spingere i prezzi verso il supporto critico a 0,184$.

LTC/USD

Il Litecoin è scivolato fino al limite inferiore del range compreso tra 49,466$ e 69,279$. Un breakdown da tale livello potrebbe far riprendere il downtrend e spingere i prezzi verso il supporto successivo, a quota 40$.

Al momento la moneta sta tentando di ottenere un rialzo dal livello a 50$: ciononostante, 60$ continuerà a rappresentare una forte resistenza per qualsiasi movimento verso l'alto.

La coppia LTC/USD mostrerà la propria forza soltanto al superamento di quota 69,279$. Fino ad allora, continueremo ad assistere ad una forte volatilità dei prezzi all'interno del range.

I trader più aggressivi possono attendere la chiusura di oggi e acquistare in piccole quantità con uno stop loss sotto i 47$. Gli investitori più prudenti dovrebbero invece attendere un breakout dal range prima procedere con l'acquisto.

ADA/USD

Cardano ha sfondato il primo supporto a 0,0735$, ma i ribassisti non sono riusciti a sfruttare appieno questo crollo.

Al momento i rialzisti stanno tentando di spingere i prezzi nuovamente sopra quota 0,0735$. Se dovessero riuscirci, la coppia ADA/USD verrebbe nuovamente scambiata all'interno di un range compreso tra 0,0735$ e 0,0942$.

I ribassisti potrebbero tuttavia ostacolare questo tentativo, facendo scivolare la criptovaluta fino a 0,0601$. Al momento non troviamo alcuna configurazione d'acquisto, e pertanto sconsigliamo lo scambio di questa moneta.

XMR/USD

Dopo giorni di movimenti range bound, in data 11 ottobre Monero è sceso al di sotto di tale intervallo, attivando i nostri stop loss a 106$. Al momento sta tentando di ottenere un rimbalzo dal supporto psicologico a 100$.

Il supporto precedente, tra 107,8$ e 112$, rappresenta ora una resistenza. La coppia XMR/USD mostrerà segnali di forza soltanto una volta superate entrambe le medie mobili.

Nel caso in cui i ribassisti riuscissero a difendere la resistenza superiore, potremmo assistere ad un crollo fino a 90$. Gli investitori dovrebbero attendere la formazione di nuove configurazioni d'acquisto prima di tentare questo trade.

TRX/USD

TRON è sceso sotto entrambe le medie mobili, estendendo la propria permanenza all'interno del range compreso tra 0,0183$ e 0,0281$.

Entrambe le medie mobili sono piatte e l'RSI è negativo: nel breve periodo i ribassisti saranno in vantaggio. Se la moneta non riuscirà a superare la EMA a 20 giorni, le probabilità di un crollo fino al limite inferiore del range aumenteranno.

La coppia TRX/USD riprenderà il proprio downtrend nel caso in cui i ribassisti riuscissero a mantenere il prezzo sotto quota 0,0183$. I trader dovrebbero attendere un breakout dal range prima di aprire nuove posizioni.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.

Seguici su Twitter

Scelta dell'Editore
Comunicati Stampa