Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, EOS, Stellar, Litecoin, Cardano, Monero, TRON: Analisi dei prezzi, 17 ottobre

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Nonostante i mercati abbiano perso gran parte degli incrementi del 15 ottobre, numerose criptovalute vengono ancora scambiate sopra i recenti minimi: si tratta di un segnale positivo.

La comunità delle criptovalute attende l'avvento degli investitori istituzionali, che porteranno il mercato al livello successivo. Mike Novogratz, CEO e fondatore di Galaxy Investment Partners, è certo che tali entità faranno il proprio ingresso tra il primo e il secondo trimestre del prossimo anno, spingendo i prezzi verso nuovi massimi.

Il lancio di Fidelity Digital Asset Services, da parte della società statunitense d'investimento Fidelity, è un passo nella giusta direzione. La nuova piattaforma offrirà agli investitori istituzionali "soluzioni sicure e conformi alle normative per l'archiviazione di Bitcoin, Ethereum e altri beni digitali".

Vale pertanto la pena acquistare adesso, in attesa dei grossi investitori, o è ancora presente il rischio di ulteriori ribassi? Scopriamolo dando un'occhiata ai grafici.

BTC/USD

Dopo i rialzi del 15 ottobre, il Bitcoin si è consolidato appena sotto la resistenza a 6.831,99$. In teoria, dopo l'annullamento del pattern ribassista, i prezzi avrebbero dovuto ottenere uno slancio verso l'alto: questo tuttavia non è accaduto.

Nel caso in cui i rialzisti non riuscissero a superare velocemente tale resistenza, potremmo assistere a delle vendite. Un crollo sotto le medie mobili porterebbe ad un nuovo test dell'area critica di supporto, compresa tra 6.075$ e 5.900$.

BTC/USD

Nonostante la coppia BTC/USD abbia superato la downtrend line del triangolo discendente, non è ancora riuscita ad ottenere uno slancio. Le medie mobili rimangono piatte, mostrando la presenza di un equilibrio tra rialzisti e ribassisti.

La bilancia penderà in favore dei rialzisti nel caso in cui la moneta dovesse superare quota 6.831,99$. In tal caso, gli obiettivi dell'incremento di trovano a 7.400$ e 8.400$. I trader dovrebbero pertanto mantenere le proprie posizioni long, con uno stop loss a 5.900$.

I movimenti dei prossimi giorni ci aiuteranno a comprendere in quale direzione si sposterà in futuro la criptovaluta.

ETH/USD

Mentre Ethereum continua il proprio processo di consolidamento, i ribassisti hanno spinto la moneta verso il limite inferiore del range. La moneta viene scambiata sotto entrambe le medie mobili, e l'RSI è in negativo.

ETH/USD

Nel caso in cui i rialzisti non riuscissero a superare le medie mobili entro i prossimi giorni, la coppia ETH/USD potrebbe nuovamente testare il supporto a 192,50$. Sotto tale livello potremmo assistere persino ad un crollo a 167,32$.

Al contrario, una crescita fin sopra la resistenza superiore rappresenterebbe un segnale di forza, che spingerebbe la criptovaluta fino alla resistenza successiva, a quota 322,57$. I trader dovrebbero pertanto attendere una chiusura sopra i 249,93$ prima di aprire nuove posizioni long.

XRP/USD

Fra le prime dieci criptovalute, soltanto Ripple ha superato i massimi infragiornalieri dei 15 ottobre. Inoltre la moneta viene scambiata sopra le medie mobili, un segnale positivo.

XRP/USD

La coppia XRP/USD sta per raggiungere quota 0,50$, dove potrebbe incontrare una certa resistenza. Sopra tale livello, potremmo assistere ad un'impennata a 0,55$ e 0,625$.

Se al contrario la criptovaluta dovesse registrare un ribasso dopo aver toccato i 0,50$, potrebbe scivolare fino alla SMA a 50 giorni, che agirebbe da supporto. Entrambe le medie mobili sono piatte e l'RSI è neutrale: ci aspettiamo un consolidamento nel breve periodo.

BCH/USD

Bitcoin Cash continua ad essere scambiato all'interno di un triangolo simmetrico, incapace di ottenere un breakout o un breakdown.

BCH/USD

Attualmente la coppia BCH/USD si trova sotto entrambe le medie mobili, e la EMA a 20 giorni ha iniziato a puntare verso il basso. Anche l'RSI è negativo: i ribassisti sono in vantaggio.

Un breakdown dal triangolo porterebbe ad una ripresa del downtrend, con un debole supporto a quota 408,01$. Al contrario, in breakout dal triangolo rappresenterebbe un segnale di forza. I trader dovrebbero mantenere i propri stop loss a 400$.

EOS/USD

Al momento EOS si trova circa a metà di un range compreso tra 6,8299$ e 4,4930$. Entrambe le medie mobili si sono appiattite, e anche l'RSI è neutrale: rialzisti e ribassisti sono in equilibrio.

EOS/USD

Assisteremo all'inizio di un nuovo uptrend in caso di breakout e chiusura al di sopra della resistenza a 6,8299$. Tale movimento potrebbe spingere la coppia EOS/USD a 9$, o addirittura più in alto.

In basso, se i ribassisti dovessero spingere la moneta sotto il supporto a 5$, il prezzo potrebbe scivolare fino al supporto inferiore a 4,49$, e successivamente a 3,8723$. I trader dovrebbero pertanto proteggere le proprie posizioni con uno stop loss a 4,90$.

XLM/USD

Stellar viene scambiato sopra entrambe le medie mobili, un segnale rialzista. Al momento sta tentando di ottenere un breakout dalla downtrend line e dalla resistenza superiore a 0,24987$.

XLM/USD

In caso di successo, il pattern ribassista del triangolo discendente verrebbe invalidato e potremmo assistere ad un'impennata a 0,36$, con una debole resistenza a 0,30$. I trader possono aprire nuove posizioni long per la coppia XLM/USD in caso di chiusura sopra quota 0,27$.

In basso, la criptovaluta possiede dei supporto alle medie mobili e sotto ancora nell'area compresa tra 0,204$ e 2,214$. Se quest'ultimo livello non dovesse reggere, potremmo assistere ad un nuovo test del supporto critico a 0,184$.

LTC/USD

Dopo il rialzo del 15 ottobre, il Litecoin è scivolato fino al limite inferiore del range. Entrambe le medie mobili si sono appiattite e l'RSI è negativo.

LTC/USD

Se la coppia LTC/USD continuasse ad essere scambiate sotto le medie mobili per qualche altro giorno, i ribassisti potrebbero ancora una volta tentare di ottenere un breakdown dal range. Qualsiasi breakdown da quota 47$ porterebbe ad una ripresa del downtrend, che spingerebbe i prezzi fino al prossimo supporto a 40$.

Al contrario, la criptovaluta formerebbe un reversal pattern nel caso in cui i rialzisti riuscissero ad ottenere un breakout da quota 69,279$. Non troveremo nuove configurazioni d'acquisto finché la moneta rimarrà all'interno del range.

ADA/USD

Cardano fatica a superare le medie mobili. Al momento la moneta viene scambiata tra la EMA a 20 giorni e 0,07353$.

ADA/USD

Entrambe le medie mobili sono piatte e l'RSI si trova a circa metà: il sentimento attualmente è neutrale. Se i ribassisti riuscissero a spingere la moneta sotto il minimo infragiornaliero del 15 ottobre, la coppia ADA/USD potrebbe nuovamente testare il minimo a 0,060105$.

Al contrario, la criptovaluta mostrerebbe chiari segnali di forza in caso di breakout dalla resistenza superiore a 0,094256$. Suggeriamo ai trader di rimanere in disparte e attendere la formazione di nuove configurazioni d'acquisto.

XMR/USD

Monero è sceso al di sotto di entrambe le medie mobili. Al momento sta tentando di rimanere sopra i 107,80$, sotto la quale potrebbe scivolare ancora una volta a quota 100$.

XMR/USD

L'incapacità dei rialzisti di mantenere i prezzi sopra le medie mobili è un segno di debolezza. Se i ribassisti riuscissero a spingere la moneta sotto i 100$, potremmo assistere ad un nuovo test del supporto a 81$.

La coppia XMR/USD otterrà forza soltanto sopra i 128,65$. Al momento non troviamo alcuna configurazione d'acquisto, e sconsigliamo lo scambio di questa valuta.

TRX/USD

Incapace di superare la resistenza superiore, TRON è tornato all'interno del range. I rialzisti stanno tentando di mantenere i prezzi sopra le medie mobili, sotto le quali la criptovalute potrebbe scivolare fino al limite inferiore dell'intervallo.

TRX/USD

Non troveremo alcuna configurazione d'acquisto finché la coppia TRX/USD rimarrà intrappolata all'interno del range compreso tra 0,02815$ e 0,0183$. Il prossimo movimento significativo avrà inizio con un breakout o un breakdown da tale range.

Negli scorsi giorni sono stati registrati due breakout infragiornalieri, ma la moneta non è riuscita a sostenere i livelli più alti. I trader dovrebbero pertanto attendere una chiusura al di sopra del range prima di aprire qualsiasi posizione long.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.