Il Bitcoin arriverà a 100$ o 100.000$? Previsioni di CEO, economisti e grossi investitori

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com.

Sono state fatte numerose previsioni riguardo al prezzo del Bitcoin, che lo scorso anno è passato da appena 1.000$ ad oltre 20.000$, per poi scivolare a circa 6.000$ ed infine tornare a quota 8.000$.

Questa forte volatilità rende particolarmente complesso riuscire a prevedere i movimenti della criptovaluta nel breve periodo, pertanto un'analisi dei prezzi sul lungo periodo potrebbe risultare più attendibile. Nei paragrafi qui in basso abbiamo analizzato e commentato le stime di numerosi investitori ed economisti del settore, nel tentativo di prevedere quale direzione prenderà in futuro il Bitcoin.

Previsione 1: il denaro degli investitori istituzionali farà impennare il prezzo del Bitcoin

Il CEO della start-up Abra, applicazione supportata da American Express, ha previsto che nel 2018 i grossi investitori "scateneranno l'inferno" nel mercato delle criptovalute. L'uomo ha infatti rivelato che al momento solo una piccolissima parte del denaro istituzionale è stata introdotta nell'industria, e quindi il prezzo del Bitcoin potrebbe arrivare alle stelle.

Ma cosa impedisce al denaro istituzionale di entrare nei mercati delle criptovalute? I limiti tecnologici della tecnologia Blockchain potrebbero essere una ragione importante, specialmente quelli legati alla scalabilità. Tuttavia, come sottolineato da Don Tapscott, numerosi sviluppatori lavorano senza sosta per introdurre incredibili innovazioni che porteranno la Distributed Ledger Technology (DLT) al livello successivo.

Decentralizzazione, scalabilità e sicurezza: purtroppo al momento è questo il trilemma della DLT. Migliorare la scalabilità significherebbe compromettere la sicurezza e decentralizzazione, e così via. Ma questi limiti tecnologici stanno per essere superati, il trilemma sta per essere finalmente risolto.

Sharding, interoperabilità e verifica formale

Ethereum e Zilliqa stanno lavorando ad un processo chiamato “sharding”, che migliorerà enormemente la capacità produttiva ed il numero di transazioni al secondo della rete, rendendolo paragonabile o addirittura superiore a quelli di Visa e Mastercard.

Altri progetti puntano alla realizzazione di un "Internet delle Blockchain", che permette l'interoperabilità tra le varie Blockchain, sia pubbliche che private. Offrono inoltre sicurezza condivisa e finalità istantanea, e non sarà pertanto più necessario attendere svariate conferme prima di convalidare una transazione.

Inoltre, attacchi informatici come quello che ha colpito il DAO e innescato l'hard fork di Ethereum potrebbero diventare un brutto ricordo del passato: la verifica formale degli smart contract, come quella utilizzata dai progetti Tezos o Zen Protocol, assicurerà che non ci sia alcun errore nel codice, e pertanto nessun modo per attaccarlo. Sistemi di verifica formale vengono già utilizzati per aerei, equipaggiamento medico e reattori nucleari, tutti luoghi dove non sono permessi errori.

Anche Xinshu Dong, CEO di Zilliqa, una delle primissime Blockchain ad utilizzare la tecnologia di sharding, riconosce l'importanza della verifica formale degli smart contract:

"Uno dei problemi principali che bisogna affrontare è la sicurezza degli smart contract su Blockchain pubbliche. Per qualsiasi compagnia che dirige parte dei propri affari su una Blockchain pubblica dovrebbe esistere un'infrastruttura capace di prevenire incidenti simili a quello che ha colpito il DAO. Una volta risolti i problemi di sicurezza, molte più aziende importanti cominceranno ad accettare pubblicamente la Blockchain, che potrebbe a sua volta fare da catalizzatore per gli investimenti istituzionali".

Queste innovazioni tecnologiche potrebbero arrivare molto presto, risolvendo l'unico "tallone d'Achille" della Blockchain, vale a dire il trilemma menzionato in precedenza tra decentralizzazione, scalabilità e sicurezza. Tuttavia, poiché tali innovazioni non sono ancora pronte, la maggior parte degli investitori istituzionali, corporazioni e banche stanno ancora attendendo la loro introduzione prima di entrare totalmente nel mercato. Al momento queste grosse entità stanno solamente testando le acque. Ed una volta che queste innovazioni saranno finalizzate e pronte all'implementazione, ed altri paesi adotteranno normative per la regolamentazione dei sistemi Blockchain come hanno fatto Malta e Svizzera, il denaro istituzionale si riverserà anche in questo mercato. Questo farà decollare il prezzo del Bitcoin e diminuire la volatilità della criptovaluta.

Jan Brzezek, CEO e cofondatore del fondo Crypto Finance AG, ha condiviso con Cointelegraph le proprie riflessioni sull'impennata del prezzo del Bitcoin nel 2017:

"Si è chiaramente trattato di entusiasmo generale, la FOMO [Fear of Missing Out] era ovunque. Ma non da parte degli investitori istituzionali, bensì dagli investitori al dettaglio desiderosi di fare soldi facili. Ma i soldi non crescono sugli alberi, questa correzione era ovvia. Anzi, mi aspettavo che accadesse prima. Queste persone si sono scottate, e ora hanno troppa paura per tornare ad investire nelle criptovalute".

Previsione 2: tra dieci anni è più probabile che il Bitcoin varrà 100$ pittosto che 100.000$

Kenneth Rogoff, un economista di Harvard, ha previsto che a causa della volatilità del prezzo e del numero ridotto di casi d'utilizzo, la maggior parte dei quali legati a riciclaggio di denaro ed evasione fiscale, è più probabile che tra dieci anni il valore del Bitcoin sarà 100$, piuttosto che 100.000$.

Rogoff sottolinea inoltre che le regolamentazioni giocheranno un ruolo molto importante nella sua previsione, anche se a suo modo di vedere solo una collaborazione internazionale sarà realmente efficace. Tuttavia, con paesi come Malta che stanno implementando numerose normative all'avanguardia per questo settore, difficilmente in futuro le regolamentazioni internazionali tenteranno di sopprimere il Bitcoin.

Per quanto riguarda il problema della volatilità del prezzo menzionato da Rogoff, esistono numerosi progetti che tentano di risolvere questa situazione. Cointelegraph ha discusso con Alex Gordon-Brander, il CEO di Omega One e precedentemente collaboratore di Bridgewater Associates, riguardo alle possibili soluzioni per ridurre la volatilità dei mercati delle criptovalute.

Alex vorrebbe che la propria piattaforma diventasse "un'agenzia regolamentata per il brokeraggio di criptovalute", che possa pertanto "offrire liquidità, permettere il movimento di grosse somme senza smuovere il mercato e risparmiare milioni di dollari":

“Negli Stati Uniti mancano ancora parecchi mesi prima dell'implementazione di normative sul trading di asset digitali, ma al momento lo scenario è comunque molto più chiaro che in passato".

Pertanto, poiché i problemi del Bitcoin sottolineati da Rogoff, vale a dire l'alta volatilità e le regolamentazioni internazionali sfavorevoli, sono in fase di risoluzione, questa previsione potrebbe rivelarsi errata.

Previsione 3: il prezzo del Bitcoin seguirà una tendenza ribassista dopo il lancio dei future a dicembre 2017

In un recente articolo, un popolare blogger di criptovalute ha previsto che il prezzo del Bitcoin seguirà una tendenza ribassista, basandosi sulla premessa che negli ultimi sette anni i prezzi dell'oro e dell'argento sono stati soppressi, in modo simile ad altri beni dopo il lancio nel mercato dei future.

I seguenti grafici mostrano i prezzi di Bitcoin, argento, oro e uranio, nonché gli sviluppi di ognuno di questi prodotti dall'entrata nel mercato dei future.

Prezzo del Bitcoin dal lancio del mercato dei future CME (dicembre 2017)

Bitcoin Charts

Fonte immagine: CoinMarketCap

Prezzo dell'argento e lancio nel mercato dei future (metà 2011)

Chart

Fonte immagine: Indexmundi.com

Prezzo dell'oro e lancio nel mercato dei future (metà 2011)

Chart

Fonte immagine: Indexmundi.com

Prezzo dell'uranio e lancio nel mercato dei future (maggio 2007)

Chart

Fonte immagine: Indexmundi.com

L'autore compara questi grafici a simili tendenze osservate nel prezzo dell'argento, oro o uranio. Poiché la quantità di Bitcoin è limitata, come altri beni come il petrolio, gli enti che controllano la domanda possono avere un effetto considerevole sui prezzi, come la OPEN nel caso dei mercati del petrolio. Ad esempio, se un grosso azionista dovesse acquistare o vendere una gran quantità di Bitcoin, farebbe oscillare il prezzo della criptovaluta di una percentuale considerevole. L'autore crede che in questa tendenza ribassista assisteremo ad un incremento del prezzo a breve termine, ma nel complesso il prezzo del Bitcoin continuerà a scendere.

Ciononostante rimane ottimista nei risultati a lungo termine, affermando che dopo aver raggiunto un prezzo molto basso, il mercato subirà una svolta ed il Bitcoin potrebbe effettivamente raggiungere i 100.000$. La grossa differenza del Bitcoin e delle altre criptovalute, rispetto a beni tradizionali è che ad esempio l'oro può essere utilizzato come bene rifugio o per la produzione di gioielli. Le monete virtuali invece possiedono il potenziale di sconvolgere qualsiasi industria o istituzione.

Provare a controllare i prezzi di oro e petrolio è molto più semplice rispetto a quelli di Bitcoin o delle altre criptovalute, in quanto l'innovazione in questo mercato avviene in fretta, e ci saranno exchange decentralizzati o altri casi d'utilizzo che porteranno molto interesse e denaro.

Tra dieci anni, è più probabile che il prezzo del Bitcoin sarà di 100.000$ piuttosto che 100$

Il mercato rialzista dello scorso anno, specialmente nell'ultimo trimestre, secondo molti esperti è stato innescato da investitori irrazionali.

Al momento molte previsioni sul prezzo del Bitcoin a breve termine non sono ottimiste, in particolare perché gli investitori professionisti possono shortare il Bitcoin per la prima volta dal lancio dei mercati dei future a dicembre.

Tuttavia investitori istituzionali e grosse corporazioni potrebbero essere interessati nella tecnologia alla base della criptovaluta, ed investire nel mercato una volta risolti i problemi di scalabilità, interoperabilità e degli altri limiti tecnici delle Blockchain.

Anche una migliore struttura normativa potrebbe portare alla partecipazione di nuovi investitori, grazie a mercati più maturi, minore volatilità e liquidità migliorata.

In sintesi, nonostante sembri che i ribassisti stiano avendo la meglio, le normative in arrivo, le innovazioni, la migliore liquiditià e la minore volatilità potrebbero portare ad un forte rialzo tra il termine del secondo trimestre e l'inizio del terzo.