Bitcoin potrebbe arrivare a 4.500$, ma i miner più deboli hanno già venduto

Secondo un esperto il prezzo di Bitcoin (BTC) ha quasi raggiunto il minimo del 2019, ma è ancora presente la minaccia di un crollo a 4.500$.

Durante una discussione con il trader Tone Vays in diretta su YouTube, il celebre analista Willy Woo ha affrontato il tema dei contratti future di Bitcoin.

BTC a 4.500$?

Recentemente il valore della coppia BTC/USD è diminuito fino a toccare il supporto a 8.000$, rendendo ribassista l'opinione degli esperti sui movimenti a breve termine della criptovaluta, che hanno comparato il periodo attuale a quello immediatamente precedente al minimo di 3.100$ dello scorso anno.

Secondo Woo e Vays, il ciclo di quest'anno potrebbe concludersi con un ritracciamento del 71% rispetto al massimo di 13.800$ raggiunto qualche mese fa. Una simile contrazione posizionerebbe Bitcoin a circa 4.500$ poco prima del dimezzamento delle ricompense per il mining, previsto per maggio: un evento che secondo molti farà lievitare i prezzi.

D'altra parte, continua Woo, tutti i miner più deboli hanno già liquidato le proprie criptovalute durante le precedenti contrazioni, mentre quelli più forti attenderanno gli sviluppi di maggio. Questo riduce le probabilità di ulteriori ribassi.

Nessun segno evidente di inversione

Anche Filbfilb, collaboratore di Cointelegraph, crede che le probabilità di un nuovo incremento dei prezzi siano molto basse. "Per il momento sono tornato completamente al denaro fiat. Non sembra esserci un evidente segno di inversione. Attenderò in disparte fino ad ulteriori indicazioni", ha affermato il trader sul proprio canale Telegram.

Il popolare modello Stock-to-Flow di Bitcoin indica un probabile valore di circa 8.300$ fino a maggio del prossimo anno. Dopodiché la traiettoria inizierà a puntare verso l'alto, raggiungendo quota 100.000$ entro la fine del 2021.