Questa settimana, Bitcoin (BTC) ha chiuso la sua terza candela mensile rossa consecutiva, mentre un noto analista paragona la price action di BTC a gennaio 2019. In un tweet pubblicato giovedì, PlanB ha segnalato che BTC/USD non si allontanava così tanto dalle stime del suo modello Stock-to-Flow da oltre due anni.

Sfida decisiva per lo Stock-to-Flow

Dopo l’enorme evento di capitolazione di maggio, la price action di Bitcoin non è riuscita a recuperare il terreno perduto, restando a livelli circa il 50% più bassi rispetto al recente massimo storico.

Di conseguenza, i modelli di prezzo stanno affrontando una sfida importante, sebbene diversi indicatori on-chain ricominciano a offrire segnali rialzisti.

Nel caso dello Stock-to-Flow, che prevede un prezzo medio di almeno 100.000$ per questo ciclo di halving, la situazione sta diventando precaria. Famoso per la sua precisione, il modello ha tracciato ogni svolta della price action di BTC dalla sua creazione. Ora, però, il prezzo spot si sta avvicinando ai suoi limiti.

Persino io sono sempre un po’ inquieto quando il prezzo di Bitcoin si avvicina al limite inferiore del modello Stock-to-Flow,ha ammesso PlanB la scorsa settimana.

Ad ogni modo, considerando i cambiamenti che possono verificarsi in Bitcoin nel giro di pochi mesi, sono pochi i motivi per preoccuparsi di un’invalidazione dello Stock-to-Flow.

Prezzo di chiusura per giugno: 35.037$, deviazione al di sotto del modello S2F simile a gennaio 2019,” ha aggiunto giovedì PlanB, implicando che non sia cambiato nulla per la relazione del modello con il prezzo.

“I prossimi 6 mesi saranno decisivi per lo S2F (di nuovo).”

L’ultima volta che Bitcoin era così distante dallo Stock-to-Flow, che prevede un prezzo di 77.760$ per giovedì, BTC/USD era appena riemerso dall’abisso del bear market del 2018, durante il quale è crollato a soli 3.100$.

Modello stock-to-flow di Bitcoin, 1° luglio. Fonte: PlanB/Twitter

Una correzione in agguato?

Come segnalato da Cointelegraph, nelle ultime settimane si è sviluppata una forte narrativa secondo cui il prezzo starebbe “rincorrendo” gli indicatori on-chain.

Parametri come il popolare Puell Multiple suggeriscono che il prezzo potrebbe essere al suo minimo, in linea con i precedenti storici, con un sottinteso rimbalzo a seguire:

“Sembra che l’adeguamento della difficoltà di Bitcoin di venerdì sia ancora stimato a -25%. Bitcoin continua imperterrito, blocco dopo blocco. Redditività del mining alle stelle.”

Il trasferimento in corso della potenza di mining al di fuori della Cina dovrebbe diventare meno preoccupante una volta completato. Questo fine settimana, la difficoltà di mining vedrà il suo più grande calo di sempre a causa dell’agitazione, aumentando rapidamente i profitti per i miner e attirando nuova potenza di calcolo nel network.