Dopo tre giornate di trading all'interno di un range sempre più piccolo, il prezzo di Bitcoin (BTC) è scivolato sotto quota 8.300$, raggiungendo un minimo di 8.264$. A 8.200$ è presente un supporto rappresentato dalla 200-DMA (Daily Moving Average).

John Bollinger, ideatore del popolare indicatore "Bande di Bollinger", ha tuttavia scritto su Twitter che il recente pullback non dovrebbe allarmare gli investitori:

"Si tratta di un 'punto logico' dove la coppia BTC/USD può trovare supporto, un pullback verso un breakout level e la BB mediana."

Panoramica dei mercati delle criptovalute. Fonte: Coin360

Molti trader continuano a prevedere una contrazione a 8.200$, dove numerosi potenziali acquirenti rimangono in attesa di prezzi più convenienti. Attualmente infatti il Volume profile visible range (VPVR) mostra volumi molto alti proprio a 8.200$, allo stesso livello della 200-DMA.

Grafico giornaliero BTC USD. Fonte: TradingView

Prendendo in esame gli ultimi movimenti della criptovaluta, se il prezzo di Bitcoin dovesse scivolare sotto gli 8.200$ i trader possono tentare di sfruttare un potenziale bounce alla 50-DMA a 8.000$. Sotto tale livello il prezzo potrebbe tuttavia tornare a 7.600$, dove è posizionata la banda inferiore dell'indicatore delle Bande di Bollinger.

Grafico giornaliero di BTC USD. Fonte: TradingView

Nel lasso temporale a 24 ore, la Moving average convergence divergence (MACD) è già scesa al di sotto della signal line, stampando sull'istogramma una candela rossa; segnali negativi anche dal Relative strength index (RSI), che sta per tornare sotto il valore di 50.

Anche i volumi di trading sono peggiorati e le Bande di Bollinger rimangono ampie, suggerendo che il movimento futuro più probabile è una contrazione al di sotto della 200-DMA.

Nelle finestre temporali più brevi invece possiamo osservare che i rialzisti stanno lottando per difendere il supporto a 8.300$, e sia l'RSI che la MACD sono in procinto di indicare una vendita eccessiva della criptovaluta.

I trader in attesa di un oversold bounce dovrebbero fare attenzione al livello a 8.100$, dove è posizionata la vecchia descending channel trendline. Sotto tale livello si trova la 200-DMA, inserita tra il ritracciamento Fibonacci 50% e quello 61,8%.

BTC USD, grafico a 6 ore. Fonte: TradingView

Se l'oversold bounce dovesse produrre un notevole rialzo, permettendo a Bitcoin di conquistare nuovamente la 50-EMA, i trader dovrebbero considerare quota 8.500$ la prossima resistenza. Sopra tale livello, è possibile che il nodo ad alto volume del VPVR a 8.623$ possa rappresentare un'altra dura resistenza. Per ripristinare l'uptrend, i trader dovrebbero riuscire a spingere e mantenere il prezzo di Bitcoin sopra gli 8.800$ e 9.134$.

Grafico giornaliero di Bitcoin. Fonte: Coin360

La capitalizzazione complessiva di tutte le criptovalute è ora di circa 228,9 miliardi di dollari, mentre la dominance di Bitcoin si riduce sempre più, ora al 63,3%. Notevoli contrazioni anche per molte delle monete più importanti del mercato: Bitcoin SV (BSV) in rosso del 9,33%, Bitcoin Cash (BCH) del 7.86%, Litecoin (LTC) del 6.51%.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SUI PRINCIPALI MERCATI DELLE CRIPTOVALUTE CON GLI INDICI DI COINTELEGRAPH