Bitcoin, Ripple, Ethereum, Bitcoin Cash, EOS, Stellar, Litecoin, Bitcoin SV, TRON, Cardano: Analisi dei prezzi, 26 dicembre

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Il 2018 è stato un anno poco redditizio per l'intero settore del trading. L'incremento dei tassi d'interesse da parte della United States Federal Reserve, la riduzione della crescita, le dispute commerciali e la paura di una recessione hanno portato al crollo di svariati mercati.

Sia Bitmain Technology, il più importante produttore di dispositivi per il mining, che Huobi Group, gestore di uno dei più grandi exchange di criptovalute al mondo, pianificano il licenziamento di parte del proprio personale. Sono tempi difficili per le aziende operanti in questa industria, ma eventi del genere avvengono in qualsiasi ambito.

Sembra tuttavia che gli esperti si siano in particolar modo scagliati contro le criptovalute: quest'anno gli analisti hanno infatti previsto la morte del Bitcoin già in svariate occasioni. A nostro parere nel 2019 le monete digitali otterranno un notevole slancio verso l'alto, attirando nuovamente le attenzioni degli investitori.

Ciononostante, la ripresa del mercato avverrà in maniera lenta e graduale. A differenza di quanto avvenuto in passato, gli investitori agiranno in maniera più cauta, attendendo la conferma dei rialzi prima procedere con l'acquisto. Per tale motivo regolamentazioni, attività istituzionale e adozione saranno le micce che innescheranno la prossima impennata.

Nel breve termine Anthony Pompliano, fondatore di Morgan Creek Digital Assets, ha previsto che Bitcoin perderà il proprio supporto a 3.000$. Cosa possiamo dedurre dai grafici?

BTC/USD

In data 24 dicembre Bitcoin ha toccato la resistenza a 4.255$, per poi scivolare sotto la EMA a 20 giorni. Sta attualmente tentando di rimanere sopra il supporto a 3.787,33$. Un breakdown da tale livello indebolirebbe il pullback, incrementando le probabilità di un nuovo test dei minimi.

BTC

Al contrario, se il prezzo riuscisse a difendere quota 3.787,33$, potremmo assistere ad un nuovo tentativo di breakout dalla resistenza a 4.255$. In caso di successo, la ripresa potrebbe estendersi fino a 4.914,11$, con una piccola resistenza alla SMA a 50 giorni.

La SMA è ancora in calo e l'RSI è attualmente negativo. Questo mostra il tentativo dei ribassisti di ottenere nuovamente il controllo sulla coppia BTC/USD. Potrebbe anche accadere che la criptovaluta non riesca ad uscire dal range compreso fra 3.787,33$ e 4.255$, estendendo il proprio consolidamento.

È presente una remota possibilità di pattern head and shoulders invertito, nel caso in cui la criptovaluta registrasse una chiusura al di sopra della neckline. Il target di tale movimento si trova a 5.500$. Verrebbe confermato un bottom se la moneta dovesse registrare minimi di volta in volta più alti: i prossimi giorni saranno molto importanti.

XRP/USD

Ripple non è riuscito a rimanere sopra quota 0,40$. La vendita a questi livelli ha infatti spinto il prezzo sotto la SMA a 50 giorni.

XRP

Se la coppia XRP/USD riuscisse ad ottenere una ripresa dalla EMA a 20 giorni, potrebbe nuovamente tentare il superamento di 0,40$. In caso di successo, lo slancio potrebbe estendersi fino alla resistance line del downtrending channel. I trader possono mantenere le proprie posizioni long, con stop loss posizionati al break-even.

Un calo sotto la EMA a 20 giorni e quota 0,33108$ indebolirebbe il pullback, facendo scivolare la moneta fino alla support line del canale. I prossimi tre o quattro giorni forniranno maggiori informazioni sul futuro di questa criptovaluta.

ETH/USD

Proprio come da noi previstoEthereum ha registrato un ribasso dopo aver toccato quota 167,32$. Attualmente i rialzisti stanno tentando di difendere la SMA a 50 giorni: se dovessero riuscirci, potremmo assistere ad un nuovo tentativo di breakout. 

ETH

Al contrario, se la coppia ETH/USD non riuscisse a rimanere sopra la SMA, potrebbe scivolare fino alla EMA a 20 giorni. Se tale supporto dovesse reggere, prevediamo un periodo di consolidamento.

La nostra visione leggermente rialzista verrebbe invalidata nel caso in cui il prezzo dovesse scivolare sotto quota 100$. Un breakdown sotto gli 83$ porterebbe inoltre ad una ripresa del downtrend.

BCH/USD

Dopo un'incredibile impennata verso l'alto, i trader hanno cominciato a vendere Bitcoin Cash attorno alla SMA a 50 giorni. Attualmente i rialzisti stanno tentando di ottenere un rimbalzo dalla EMA a 20 giorni, ma non sembrano trovare acquirenti ai livelli più alti.

BCH

La EMA a 20 giorni è piatta e l'RSI è circa 50: questo mostra un probabile consolidamento nel breve termine. Tale previsione verrebbe invalidata nel caso in cui i ribassisti riuscissero a spingere la coppia BCH/USD sotto la EMA: in tal caso il prossimo supporto si troverebbe a 100$.

Se al contrario i rialzisti riuscissero ad ottenere un rimbalzo dalla EMA e a superare quota 239$, la ripresa della criptovaluta potrebbe estendersi fino a 262,43$ e 307,01$. Nel caso in cui l'incremento si fermasse a 239$, la criptovaluta si consoliderà attorno a quel livello. Avremo una migliore visione d'insieme entro i prossimi tre o quattro giorni.

EOS/USD

La ripresa di EOS ha incontrato un grosso ostacolo alla SMA a 50 giorni. Attualmente i rialzisti stanno tentando di difendere la EMA a 20 giorni: sotto tale livello il prossimo supporto importante si trova a 2,4050$.

EOS

Se uno di questi supporti dovesse reggere, prevediamo un altro tentativo di breakout dalla SMA. Al contrario, se i ribassisti riuscissero a spingere la coppia EOS/USD al di sotto dei supporti, potremmo assistere ad un nuovo test dei minimi.

La EMA a 20 giorni è piatta e l'RSI è quasi neutrale. Prevediamo pertanto un periodo di consolidamento. La nostra visione verrebbe invalidata nel caso in cui il valore della moneta dovesse scivolare sotto i 2$.

XLM/USD

I rialzisti non sono riusciti a sostenere il breakout dalla EMA a 20 giorni e da quota 0,13427050$: il valore di Stellar è nuovamente tornato sotto la EMA.

XLM

Se la coppia XLM/USD non dovesse tornare velocemente sopra quota 0,13427050$, potrebbe scivolare fino al minimo del 15 settembre. Un breakdown sotto 0,09285498$ porterebbe ad una ripresa del downtrend. La nostra opinione sulla moneta rimane nel complesso neutrale: attenderemo il superamento della EMA a 20 giorni e la formazione di nuove configurazioni d'acquisto prima di suggerire il trading di questa valuta.

LTC/USD

In data 24 dicembre Litecoin non è riuscito a superare la resistenza superiore a 36,428$. I rialzisti stanno attualmente tentando di difendere il supporto a 29,349$: in caso di successo potremmo assistere alla formazione di un pattern head and shoulders, che si completerà con un breakout e una chiusura sopra quota 36,428$. Il target di tale pattern si trova a 49,756$.

LTC

Se tuttavia i rialzisti non riuscissero a difendere quota 29,349$, il pattern verrebbe invalidato e la coppia LTC/USD potrebbe nuovamente raggiungere il recente minimo di 23,10$. Se tale livello non dovesse reggere, assisteremmo ad una ripresa del downtrend. I trader dovrebbero attendere il completamente del pattern inverse head and shoulders prima di procedere con l'apertura di nuove posizioni.

BSV/USD

Incapace di superare il limite inferiore del range compreso fra 123,98$ e 80,352$ in data 20 e 21 dicembre, è probabile che Bitcoin SV scivoli fino al bottom di tale intervallo.

BSV

Se la coppia BSV/USD dovesse ottenere un breakdown da quota 80,352$, potrebbe scendere fino al prossimo supporto a 65,031$. Un ulteriore ribasso potrebbe infine spingere il valore della moneta a 38,528$.

Se al contrario il supporto a 80,352$ venisse difeso, prevediamo un periodo di consolidamento della durata di qualche giorno. Osserveremo i movimenti dei prezzi attorno a tale supporto prima di suggerire l'apertura di nuove posizioni.

Al contrario, se la criptovaluta superasse il limite superiore del range, potremmo assistere ad un movimento fino a 167,608$. Manteniamo pertanto il nostro consiglio d'acquisto in caso di chiusura sopra i 123,98$.

TRX/USD

Il pullback di TRON si è interrotto poco sotto quota 0,025$. La moneta ha tuttavia trovato un solido supporto d'acquisto a 0,0183$, un segnale positivo.

TRX

Le medie mobili hanno completato un crossover rialzista. Prevediamo un forte supporto alla EMA a 20 giorni. Dopo il recente pullback, la coppia TRX/USD potrebbe consolidarsi fra la EMA e 0,025$ per qualche giorno. Osserveremo i movimenti dei prezzi attorno a 0,0183$ prima di consigliare l'apertura di nuove posizioni, in quanto ai livelli correnti non troviamo alcuna configurazione d'acquisto.

Se la criptovalute dovesse scendere al di sotto della EMA, potrebbe indebolirsi e scivolare fino a 0,0125$.

ADA/USD

Cardano ha registrato dei ribassi dopo aver toccato la resistenza a 0,051468$. Avevamo previsto un pullback, e per tale motivo avevamo consigliare di incrementare il livello degli stop loss.

ADA

Attualmente la coppia ADA/USD sta trovando supporto alla EMA a 20 giorni, un segnale positivo. Se tuttavia in rialzisti non riuscissero velocemente ad ottenere un rimbalzo da tale livello, la moneta potrebbe riprendere la propria discesa. In basso il prossimo supporto si trova a 0,033065$.

La EMA a 20 giorni è piatta, mentre la SMA a 50 giorni continua a puntare verso il basso. Il trend a lungo termine rimane ribassista, ma quello a breve termine fa pensare ad un consolidamento. Avremo una visione più chiara fra qualche giorno. Un breakdown al di sotto del minimo del 7 dicembre invaliderebbe la nostra visione rialzista.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.