Il produttore di smartphone blockchain Sirin Labs licenzia un quarto del suo personale

Secondo quanto riportato da Global Business il 15 aprile, Sirin Labs, la startup produttrice di smartphone blockchain, avrebbe licenziato un quarto del suo personale.

Secondo il rapporto, la società avrebbe ammesso di aver licenziato 15 dei suoi 60 dipendenti e di aver sovrastimato le vendite del proprio smartphone blockchain Finney. Un portavoce della società avrebbe dichiarato che Sirin Labs si concentrerà ora principalmente sullo sviluppo e la distribuzione di software.

Sirin Labs ha inoltre smentito i rumor secondo i quali la compagnia non avrebbe pagato gli stipendi ai propri dipendenti.

Il rapporto rileva che il fondatore della compagnia Moshe Hogeg, presidente del fondo di venture capital Singulariteam, è stato coinvolto in una tempesta mediatica.

Secondo l'articolo, l'imprenditore canadese Adamaz Perzow avrebbe intentato una causa del valore di 50 milioni di dollari contro Hogeg e altri due membri di Singulariteam. Perzow avrebbe venduto il dominio Invest.com a Singulariteam alla fine del 2014 per oltre 5 milioni di dollari.

Secondo Perzow, il fondo avrebbe truffato molti investitori, per una somma complessiva di centinaia di milioni di dollari.

Come segnalato da Cointelegraph, Sirin Labs ha lanciato il suo smartphone blockchain Finney alla fine dello scorso anno, con un prezzo di 999$.

A marzo, la compagnia ha anche confermato che è ancora incorso lo sviluppo di nuove caratteristiche per il dispositivo, tra cui l'integrazione del popolare wallet di Ethereum (ETH) MyEtherWallet.