Bobby Lee: i cinesi hanno sempre considerato Bitcoin un investimento, non un sistema di pagamento

Bobby Lee, fondatore e vecchio CEO del popolare exchange di criptovalute BTCC, ha affermato che gli utenti cinesi hanno sempre considerato Bitcoin un investimento, non un sistema di pagamento.

Durante l'ultimo episodio del podcast Untold Stories di Charlie Shrem, Lee ha discusso del settore delle criptovalute in Cina, e in particolare delle interazioni con gli organi di regolamentazione e delle tendenze degli investitori.

Un wallet progettato per l'utente medio

L'uomo ha anche fornito maggiori informazioni sul suo nuovo progetto, un hardware wallet detto Ballet:

"Ballet è il culmine della mia esperienza [...]. Ho guidato l'exchange [BTCC], ho guidato la sua mining pool, abbiamo prodotto mobile wallet. Sotto il marchio BTCC, abbiamo anche avviato la produzione di Bitcoin fisici. Con il progetto Ballet, [puntiamo a realizzare] il wallet hardware più semplice, pratico e affidabile al mondo."

Ballet è un dispositivo delle dimensioni di una carta di credito, che offre cold storage di Bitcoin (BTC) e altre quattordici criptovalute, fra le quali anche Ether (ETH), XRP e Litecoin (LTC). In futuro verranno aggiunte altre diciotto monete, conferma l'azienda sul proprio sito web.

L'utente medio, spiega Lee, possiede scarse conoscenze di sicurezza informatica. È questo il motivo che lo ha spinto a realizzare una nuova soluzione hardware per il deposito di criptovalute, che risulti facile da utilizzare:

"Queste persone non sanno come impostare una password sicura. [...] Non sanno cos'è l'autenticazione a due fattori, oppure come gestire firmware e aggiornamenti alla sicurezza. Comprendono a malapena come effettuare l'accesso, per non parlare della verifica tramite 2SA o SMS."

Pertanto, affinché le criptovalute vengano adottate su larga scala, è a suo parere necessario semplificare notevolmente tutte procedure.