Bitcoin (BTC) inizia una nuova settimana dopo un altro weekend di forte volatilità. Stavolta, però, rivolto verso il basso e non verso l’alto.

Mentre il mercato perde 7.000$, il calo più grande dall’inizio del rialzo “verticale,” Cointelegraph espone cinque fattori che ne influenzeranno l’andamento nei prossimi giorni.

La correzione di BTC spinge Guggenheim a vendere

L’improvvisa caduta di sabato e domenica è in cima alla lista dei punti di discussione tra i Bitcoiner. Da massimi di quasi 42.000$, BTC/USD ha assistito a un sell-off prolungato: i ribassisti hanno spinto la coppia fino ai minimi locali intorno a 31.150$.

Il calo rappresenta la perdita più grande dell’anno dopo il crollo cross-asset di marzo 2020 causato dalla pandemia di Coronavirus, ma è stato largamente preannunciato dagli analisti, i quali hanno segnalato che Bitcoin era diventato sovraccarico.

#Bitcoin crolla di >10%: la perdita peggiore da marzo ricorda l’ultimo ciclo di halving nel 2016/2017. Il rally nel 2017 fu seguito da una caduta di oltre il 50%,ha riassunto il commentatore finanziario Holger Zschaepitz su Twitter.

Grafico orario di BTC/USD (Bitstamp). Fonte: TradingView

Una correzione del 23% non è niente di nuovo per gli HODLer a lungo termine di Bitcoin, e la mancanza di perdite più significative suggerisce che, anche sopra i 30.000$, il supporto dei compratori rimane forte.

Le contrazioni presenti e in arrivo sono le opportunità che cercavi in preda alla #FOMO quando il prezzo era a 40.000$. Sfruttale,” ha suggerito l’analista di Cointelegraph Markets Michaël van de Poppe.

Al momento della stesura, Bitcoin si trova a 33.200$, dopo aver toccato un minimo di 31.150$. La forte correzione sembra aver fatto cambiare idea al compratore istituzionale Guggenheim. Il CIO della compagnia, Scott Minerd, ha segnalato improvvisamente che il fondo avrebbe venduto parte della posizione in BTC.

La crescita parabolica di Bitcoin non è sostenibile nel breve termine. Vulnerabile a una battuta d’arresto,ha affermato lunedì.

“Il rialzo tecnico target di 35.000$ è stato superato. È ora di togliere parte del denaro dal tavolo.”

Altri hanno indicato la potenziale occasione per gli acquirenti con grandi volumi. “Le istituzioni stanno mettendo in fuga le mani deboli per accumulare più #Bitcoin,ha commentato David Gokhstein, fondatore di Gokhshtein Media.

Biden pronto a stampare 3.000 miliardi di dollari

Negli Stati Uniti, il potenziale segnale rialzista per Bitcoin sotto forma di un enorme programma di stimolo da 3.000 miliardi di dollari proposto dall’amministrazione Biden entrante è stato oscurato da una recente ripresa del dollaro.

Una nota correlazione inversa per Bitcoin, l’indice del dollaro statunitense (DXY) ha continuato negli ultimi giorni a tracciare un aumento, tornando sopra i 90 dopo aver raggiunto i livelli più bassi da marzo 2018.

L’anno scorso, l’indebolimento del dollaro ha spesso dato una spinta a Bitcoin, mentre altre relazioni di prezzo scomparivano gradualmente.

Il dollaro è talmente ipervenduto, odiato e pieno di short che a un certo punto dovrà riprendersi per forza,ha spiegato Matt Maley, chief market strategist di Miller Tabak + Co., in un’intervista a Bloomberg.

“Il dollaro è sempre più vicino a un bounce redditizio, che durerà almeno diverse settimane e forse persino un paio di mesi.”
Grafico giornaliero dell’indice del dollaro statunitense. Fonte: TradingView

Tuttavia, considerando il lungo termine, questa settimana molti hanno realizzato che gli Stati Uniti stanno semplicemente posticipando ulteriormente le vere difficoltà economiche. Il presidente entrante Joe Biden ha intenzione di distribuire ai cittadini statunitensi assegni di sussidio da 2.000$, stampando moneta per un enorme pacchetto di stimolo che potrebbe arrivare 3.000 miliardi di dollari.

Se verrà approvato, la liquidità emessa dalla banca centrale registrerà il più grande incremento sin dall’inizio della pandemia di Coronavirus, e spingerà il debito federale statunitense oltre i 30.000 miliardi di dollari per la prima volta nella storia.

È il momento del Piano B,ha twittato Danny Scott, CEO dell’exchange CoinCorner, commentando i piani.

Le azioni proseguono verso l’alto

Questa settimana, i trader di azioni iniziano a sperare in ulteriori profitti dovuti allo shock causato da eventi recenti negli Stati Uniti.

Lunedì, la borsa indiana è finita sotto i riflettori, con titoli diretti verso nuovi massimi storici. Come segnalato da Cointelegraph, altri mercati hanno già stabilito o si trovano in prossimità di record propri. Nella regione asiatica, Hong Kong e la Corea del Sud hanno assistito a rialzi, mentre l’Australia ha registrato perdite.

Con i future statunitensi in calo prima dell’inizio della giornata di trading a Wall Street, gli operatori sono stati accolti da un quadro complessivamente eterogeneo, con l’oro in difficoltà e il petrolio in crescita.

La relazione di Bitcoin con i movimenti del mercato azionario è di nuovo incerta, in quanto la volatilità del fine settimana non riflette affatto l’attuale contesto macroeconomico. Dopo aver sovraperformato tutti i titoli azionari eccetto Tesla in seguito alla ripresa successiva al crollo di marzo, Bitcoin ha percorso una strada sempre più indipendente, indisturbata dai fattori macro.

Mi aspetto che nei prossimi 6-9 mesi Bitcoin e i titoli tecnologici raddoppieranno di nuovo,ha previsto nel weekend Immad Akhund, CEO della banca focalizzata sulle startup Mercury.

“È chiaro che ci troviamo in una bolla finanziaria alimentata da stimolo fiscale, tassi d’interesse bassi e ironicamente un maggior reddito disponibile durante la pandemia. Probabilmente non avrà un lieto fine ma goditi il viaggio verso l’alto!”

Akhund, come molti altri, ha aggiunto che la sua tabella di marcia coincide con il lancio della vaccinazione di massa contro il Coronavirus. Nelle ultime settimane, le notizie relative a questo sviluppo hanno sostenuto ulteriormente la crescita complessiva dei titoli azionari.

I miner incassano grandi profitti

Una spiegazione per la correzione di BTC si trova all’interno dello stesso network di Bitcoin. Uno scenario ben noto, sembra che i miner stiano nuovamente vendendo le proprie riserve a ritmi significativi.

Stando ai dati della risorsa di monitoraggio on-chain CryptoQuant, queste vendite hanno raggiunto il livello più alto da luglio 2019, superando persino quelle realizzate a maggio dell’anno scorso in seguito al più recente halving del block reward.

CryptoQuant ha utilizzato il suo Miner Position Index (MPI) per determinare le riserve di BTC in calo dei miner. Il CEO Ki Young Ju ha descritto la situazione attuale come un “mercato ribassista a breve termine.

Stanno vendendo $BTC sin da dicembre dell’anno scorso, ma la correzione è stata minima a causa del potere d’acquisto istituzionale,” ha aggiunto nei commenti.

Grafico della media mobile a 30 giorni dell’MPI di Bitcoin. Fonte: Ki Young Ju/ Twitter

L’analista di Cointelegraph Joseph Young ha indicato che, a suo avviso, Bitcoin è arrivato al suo massimo storico di 42.000$ al termine di un periodo in cui il mercato si è sovraccaricato. Una fase di tregua era più che necessaria.

Oggi sono stati liquidati 2,7 miliardi di dollari,ha segnalato lunedì.

“La risposta semplice è che il mercato era sovraindebitato, è stato avido e ha continuato a comprare le prime contrazioni sotto i 39.000$.”

Nessuna “altseason 2.0” per il momento

La correzione di Bitcoin potrebbe rivelarsi un regalo per gli HODLer di altcoin, che aspettano da tempo una riduzione dell’intensità della bull run per dare spazio ad altri token.

Come indicato spesso dall’analista di Cointelegraph van de Poppe, le altcoin non se la cavano bene durante le fasi paraboliche di Bitcoin. Infatti, le loro mosse più significative avvengono dopo che Bitcoin si è calmato.

La capitalizzazione del mercato delle #altcoin è ancora fantastica,ha commentato lunedì.

“Il primo livello dell’onda di slancio è stato raggiunto a 320 miliardi di dollaro. Se rimane sopra i 225 miliardi di dollari, il prossimo aumento porterà la capitalizzazione delle #altcoin verso nuovi massimi storici.”

Lunedì, tuttavia, era chiaro che questo pattern avrebbe dovuto attendere: molte altcoin hanno seguito Bitcoin al ribasso, registrando persino perdite più gravi.

Tra le prime dieci criptovalute in termini di market cap, molte hanno perso tra il 17% e il 20% in un giorno, e il leader del mercato Ether (ETH) è tornato in prossimità del supporto a 1.000$. Nonostante le correzioni, diverse altcoin hanno mantenuto guadagni notevoli su intervalli più estesi. Tra le prime dieci, Cardano (ADA) è ancora in vantaggio nel complesso, a un prezzo più alto del 27% rispetto a una settimana fa.