Il mercato ribassista delle criptovalute potrebbe durare per altri 18 mesi, afferma il CEO di BitMEX

Secondo Arthur Hayes, CEO della popolare piattaforma di scambio BitMEX, il mercato ribassista delle criptovalute potrebbe durare per altri 18 mesi.

Durante una recente intervista con Yahoo Finance UK l'uomo ha spiegato che, "sulla base delle esperienze passate", la bassa volatilità e i volumi ridotti "potrebbero durare per altri 12, forse addirittura 18 mesi". Ha poi continuato:

"Sono entrato nel settore del Bitcoin nel 2013, quando il prezzo è passato da 250$ a 1.300$. Dopo, tra il 2014 e il 2015, c'è stato un mercato fortemente ribassista. I prezzi sono crollati, i volumi sono crollati... era molto difficile fare soldi".

Da parecchio tempo ormai il valore del Bitcoin oscilla tra i 6.300 e i 6.600 dollari: questa relativa stabilità dei prezzi è stata lodata da svariati analisti del settore, che considerano tali movimenti un segno della maturità raggiunta dal mercato. Tuttavia anche i volumi di scambio risultano particolarmente bassi, e Hayes teme che in futuro "possano diminuire ulteriormente".

Ciononostante, il volume giornaliero di contratti in criptovalute su BitMEX supera regolarmente "un valore nominale di un miliardo di dollari", a dispetto delle circostanze poco favorevoli. Hayes ha spiegato che la piattaforma "è ben posizionata per affrontare la bassa volatilità":

"Ci sono resoconti di distributori Over-the-Counter e piattaforme d'exchange che licenziano i propri dipendenti, perché i loro volumi sono crollati dopo aver assunto nuovo personale in maniera aggressiva. I nostri piani di espansione non sono cambiati, continueremo ad assumere in tutti i dipartimenti dell'azienda".

Altri esperti dell'industria hanno tuttavia espresso un'opinione differente. Mati Greenspan, Senior Analyst di EToro, ha infatti affermato:

"Nel 2016 gli incrementi sono iniziati molto gradualmente, per poi incrementare in maniera esponenziale. Ora la consapevolezza e l'educazione sono decisamente migliorate: ho come la sensazione che la prossima impennata avverrà molto più velocemente".