Secondo un dirigente di Credit Suisse, è la cultura bancaria a limitare l'adozione della blockchain

Emmanuel Aidoo, a capo della divisione di Credit Suisse dedicata agli asset digitali, ha affermato che il desiderio della finanza tradizionale di mantenere lo status quo rappresenta un ostacolo per l'adozione della tecnologia blockchain.

Durante un'intervista recentemente pubblicata su Business Insider, Aidoo ha spiegato che la riluttanza ad adottare la blockchain è principalmente dovuta alla cultura bancaria, e non ha pertanto nulla a che fare con l'immaturità della tecnologia o con la mancanza di potenziali casi d'utilizzo. In particolare, l'uomo ha sottolineato:

"Cosa impedisce all'industria bancaria di lanciarsi a capofitto in questa tecnologia? Penso si tratti principalmente di cultura. Credo sia necessario adottare una cultura imprenditoriale, una disposizione a spingere le persone a chiedere perché."

Al tempo stesso, Aidoo ha dichiarato che nel corso del 2019 numerosi membri dell'industria di interesseranno alla tecnologia blockchain e ai benefici che questa potrà apportare al proprio business. Alcune banche inizieranno anche ad offrire prodotti basati sulla blockchain.

Secondo uno studio pubblicato a marzo dalla società statunitense di ricerca Data Corporation, quest'anno gli investimenti globali nel settore blockchain raggiungeranno i 2,9 miliardi di dollari. Secondo l'azienda, sarà principalmente il settore finanziario a supportare lo sviluppo di questa tecnologia.