Mercati delle criptovalute incerti: Bitcoin a quota 6.400$, bene Stellar

Domenica, 8 novembre: dopo il calo dei giorni scorsi, arrivano segnali incerti dai mercati delle criptovalute. Le 20 criptovalute principali sono perlopiù in verde, come mostrano i dati di Coin360. Il Bitcoin (BTC) subisce delle lievi perdite, mentre, tra le monete principali, l'unica a registrare guadagni significativi è Stellar (XLM)

Market visualization from Coin360

Grafico fornito da Coin360

Al momento della stesura di questo articolo, il Bitcoin (BTC) oscilla intorno ai 6.400$. La criptovaluta più famosa al mondo ha toccato il picco settimanale di 6.500$ il 7 novembre, per poi scendere gradualmente ai valori di questo fine settimana.

Bitcoin 7-day price chart

Grafico settimanale del Bitcoin. Fonte: CoinMarketCap

Ethereum (ETH), la seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato, è di nuovo in verde dopo diverse giornate negative, con una quotazione di 212$. Il 6 novembre, ETH si è vista strappare la seconda posizione su CoinMarketCap da Ripple (XRP), cosa già successa altre volte durante quest'anno. Tuttavia, nella giornata successiva la moneta ha riguadagnato la sua posizione.

Ethereum 7-day price chart

Grafico settimanale di Ethereum. Fonte: CoinMarketCap

Ripple (XRP) si mantiene pressoché sui livelli di ieri, con una quotazione di 0,50$. Dopo un breve decollo all'inizio di questa settimana, con un picco di 0,55$ registrato il 6 novembre, la moneta è tornata ai livelli delle medie mobili.

Ripple 7-day price chart

Grafico settimanale di Ripple. Fonte: CoinMarketCap

La capitalizzazione complessiva del mercato si aggira sui 213 mld di dollari. Al momento della stesura di questo articolo, il volume giornaliero delle transazioni è pari a 11,7 mld di dollari.

Weekly total market capitalization chart

Grafico della capitalizzazione complessiva del mercato. Fonte: CoinMarketCap

Stellar (XLM) si aggiudica la miglior performance tra le valute della top 20, con un guadagno del 5% che la porta a 0,26$. Bene anche Cardano (ADA), che guadagna più del 2%. Monero (XMR) perde invece il 2,5% rispetto alla giornata di ieri.