Mercati delle criptovalute in rosso, Bitcoin sotto quota 6.500$

Nella giornata di oggi, il mercato delle criptovalute subisce un calo generale. A registrare le perdite più marcate sono Bitcoin Cash (BCH) e Ripple (XRP), come mostrano i dati di Coin360.

Grafico fornito da Coin360

Mentre all'inizio della settimana il Bitcoin (BTC) era per lo più in verde, arrivando a guadagnare quasi il 2% nella giornata di lunedì 5 novembre, oggi la criptovaluta è in calo dell'1,08%, con una quotazione di 6.455$.

Grafico settimanale del Bitcoin. Fonte: CoinMarketCap

Ethereum (ETH) è in ribasso del 2% circa, con un valore che al momento della stesura di questo articolo si attesta sui 213$. La moneta si è stabilizzata dopo aver superato di nuovo Ripple (XRP) in termini di capitalizzazione di mercato, riconquistando la seconda posizione.

Grafico settimanale del Ethereum. Fonte: CoinMarketCap

Ripple (XRP), invece, è scambiata a 0,50$, in ribasso del 5,6% rispetto alla giornata di ieri. Sul grafico settimanale, l'altcoin ha registrato il suo picco il 6 novembre, quando ha temporaneamente strappato la seconda posizione ad Ethereum.

Grafico settimanale di Ripple. Fonte:  CoinMarketCap

La capitalizzazione complessiva del mercato si aggira sui 215 mld di dollari, circa 4 mld in meno rispetto ai 219 mld della giornata di ieri. In calo anche il volume giornaliero, che al momento della stesura di questo articolo è pari a 13,5 mld di dollari.

Grafico settimanale della capitalizzazione complessiva del mercato. Fonte: CoinMarketCap

Tra le prime 20 criptovalute della classifica di CoinMarketCap, 18 sono in rosso: a subire le perdite più marcate sono Bitcoin Cash (BCH), Ripple (XRP) e NEM (XEM). BCH ha perso il 4,8%, finendo a quota 589$, dopo una settimana di crescita alimentata dall'imminente hard fork, che verrà supportato anche dall'exchange di criptovalute Binance

Lieve crescita per Dash (DASH), in rialzo dell'1% con una quotazione di 167$.

Nel frattempo, oggi, 8 novembre, due paesi asiatici hanno fatto dei passi avanti verso delle regolamentazioni più trasparenti. Il vice primo ministro della Thailandia Wissanu Krea-ngam ha esortato i legislatori a modificare il quadro normativo esistente al fine di favorire lo sviluppo della tecnologia, avvertendo dei possibili pericoli per i consumatori. Nel frattempo, gli avvocati della Corea del Sud hanno fatto pressione sul governo locale affinché istituisca un quadro normativo per le criptovalute.