Una start-up di Londra rilascia una nuova piattaforma di arbitrage trading progettato per i principianti

Arbitao, una start-up di Londra lanciata nel novembre 2017, ha presentato la sua piattaforma di arbitrage trading — il termine proviene dal mondo del trading professionale e si riferisce all’acquistare e vendere gli stessi asset e realizzare profitti con prezzi differenti. La piattaforma è già disponibile sia per gli utenti più esperti che per i trader più giovani con budget contenuti.

Ampia copertura

I portavoce dell’azienda affermano che la piattaforma è stata provata e testata dai primi investitori fin dai mesi conclusivi del 2017. “Molti progetti di initial coin offering (ICO) non hanno dei prodotti funzionanti e probabilmente non li avranno mai. Con Arbitao è diverso. Il nostro obiettivo era ottenere un prodotto testato e funzionante prima dell’inizio della ICO. E lo abbiamo raggiunto”, ha commentato Karel Mirrin, CTO di Arbitao, all’interno del comunicato stampa dell’azienda.

Il team di Arbitao è diviso in due offici operativi con sedi a Londra e Mosca, e fa uso di risorse esterne provenienti da Shanghai.

Stando al comunicato stampa dell’azienda, il loro sistema di arbitraggio confronta attualmente i prezzi di 19 exchange , ed è capace di offrire una leva finanziaria agli investimenti di tutti gli utenti per eseguire trade e generare profitti. Alcuni software di trading automatizzato rendono possibili i profitti anche per coloro al di fuori del ‘closed loop’ di arbitraggio.

Uno dei problemi che Arbitao tenta di risolvere è rendere democratico l’arbitrage trading per gli utenti poco esperti, consentendo loro di competere con i day trader. “Il nostro pubblico è composto da giovani del mondo crypto e nuovi arbitrage trader che non dispongono di molte risorse per scalare, dunque lo facciamo noi per loro attraverso la decentralizzazione delle monete degli utenti”, hanno dichiarato i portavoce dell’azienda a Cointelegraph.

Diversi modi di ottenere profitti

Diverse coppie soffrono di mancanza di liquidità e la volatilità del mercato è molto alta, il che porta a prezzi diversi tra i vari exchange. Monitorandone molti è possibile notare che lo spread dei prezzi di alcune coppie può raggiungere anche il 5%”, si legge nel white paper di Arbitao.

La piattaforma Arbitao offre agli utenti diversi metodi per guadagnare denaro. Un utente potrebbe trarre profitto dall’arbitraggio su base quotidiana facendo trading su diversi exchange di criptovalute , con tassi d’interesse quotidiani dallo 0,5 allo 0,75 percento.

Un altro metodo di fare profitti è invitare i propri amici su Arbitao – il team promette di premiare ogni utente con il 18% del totale degli investimenti dei propri amici. “Arbitao è completamente incentrato sulla community”, afferma il sito web ufficiale dell’azienda.

Attraverso lo staking sarà invece possibile guadagnare fino al 5 percento. “Sarai premiato perché lo staking è importante per uno sviluppo sostenibile di Arbitao e offre importanti benefici per il network, come una maggiore decentralizzazione e una migliore sicurezza della blockchain”, viene spiegato sul portale in rete dell’azienda.

Il team ha sviluppato anche la propria moneta basata su blockchain, ATAO – che non è soltanto un token – ed il suo exchange interno, TAOx. Ciò offre la possibilità di ottenere alcuni profitti speculando sull’oscillazione del prezzo dell’ATAO.

Arbitao avvierà la fase di prevendita il 22 luglio 2018 ed il team ha pianificato un sistema di bonus speciali per tutti i primi investitori. La prevendita terminerà il 7 agosto. Tutti i partecipanti avranno la possibilità di testare il sistema Arbitao in azione.

La campagna di crowdsale vera e propria inizierà invece il 12 agosto, e avrà termine il 9 settembre 2018.

 

Avviso. Cointelegraph non sostiene alcun contenuto o prodotto presente su questa pagina. Sebbene puntiamo ad offrire quante più informazioni possibili, i lettori dovrebbero comunque effettuare ricerche approfondite e assumersi le responsabilità delle proprie azioni. Questo articolo non può essere considerato un consiglio d'investimento.