Estonia: alcuni emendamenti alle norme antiriciclaggio inaspriranno le regolamentazioni sulle criptovalute

Secondo quanto riportato da Äripäev, il Ministero delle Finanze estone introdurrà a breve degli emendamenti a una legge finanziaria approvata per "inasprire" le regolamentazioni sulle criptovalute.

Secondo l'articolo, una nuova versione dell'Anti Money Laundering (AMLand Terrorist Financing Prevention Act è entrata in vigore questa settimana, conformando la legislazione alla cosiddetta "Quarta direttiva sulla prevenzione del riciclaggio di denaro" dell'Unione Europea.

Il regolamento introdotto questa settimana introduce i "fornitori di servizi di cambio virtuali" e "fornitori di servizi di pagamento in valuta virtuale", che venivano prima raggruppati nella categoria "fornitori di servizi di pagamento alternativi".

L'Autorità di supervisione finanziaria (FI) del paese ha annunciato che le criptovalute e le società che offrono servizi legati alle criptovalute comportano rischi di riciclaggio di denaro, che secondo quanto riferito da Äripäev sono il motivo dei nuovi emendamenti.

Come riportato da Cointelegraph, l'Estonia ha annullato il suo programma "Estcoin", la sua moneta digitale nazionale, dopo che il presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi ha criticato l'iniziativa.

Anche il Canada sta valutando delle regolamentazioni più severe per impedire che le criptovalute vengano utilizzate nel riciclaggio di denaro sporco, come proposto dalla Canadian House Finance Committee durante la sua revisione del Proceeds of Crime Money Laundering and Terrorist Financing Act (PCMLTFA).