Secondo Matt Hougan, presidente di ETF.com, il 95% delle criptovalute morirà

Secondo Matt Hougan, Global Head of Research di Bitwise Asset Management e presidente di ETF.com, in futuro la maggior parte delle criptovalute scomparirà.

Durante un'intervista recentemente pubblicata su Bloomberg, Hougan ha affermato che "esistono più di 2.000 criptovalute, e il 95 percento di essere è inutile e morirà di morte dolorosa. Prima succede e meglio è."

L'uomo ha poi spiegato che attualmente nell'industria delle criptovalute sono presenti parecchie "cattive attività", ma il settore verrà presto "ripulito". I progetti che riusciranno a sopravvivere realizzeranno grandi cose, "proprio come dalle ceneri del dot-com sono emersi Amazon, Google, Facebook..."

A differenza di molti altri analisti, Hougan ripone molta più fiducia nelle criptovalute che nella blockchain. Per spiegare il proprio punto di vista, ha comparato la tecnologia dei registri distribuiti alla nascita di internet:

"Se vi ricordate internet ai primi tempi [...], tutti erano emozionati per le intranet aziendali. [...] La gente pensava che le intranet sarebbero divenute il futuro, e che nessuno si sarebbe mai fidato di un internet aperto. È molto simile a quel che accadrà con blockchain pubbliche e private. E le blockchain pubbliche, aperte e accessibili da chiunque, hanno bisogno di criptovalute per funzionare."

Per quanto riguarda invece l'argomento Initial Coin Offering (ICO), Hougan ha dichiarato che molte di queste campagne di raccolta fondi erano soltanto delle truffe. "Questa gente andrà in galera, come è giusto che sia", ha commentato. Ha comunque precisato che esistono anche numerosi progetti legittimi e molto promettenti.

Hougan ha infine espresso la speranza di poter "lanciare un ETF che offra maggiore visibilità alle criptovalute, e renda l'esposizione a questo mercato semplice ed economica."

Lo scorso mese il Chicago Board Options Exchange (CBOE), assieme alla società d'investimento VanEck e al fornitore di servizi finanziari SolidX, ha nuovamente presentato una proposta di modifica alle regolamentazioni relative agli ETF sul Bitcoin.