Il prezzo di Ether (ETH), la criptovaluta nativa della blockchain di Ethereum, ha raggiunto i 1.161$ per la prima volta da gennaio 2018. Subito dopo aver segnato il livello più alto degli ultimi tre anni, ETH è precipitato a circa 900$; il prezzo si è poi parzialmente ripreso, e attualmente oscilla attorno ai 1.000$.

Lo slancio di Ether è probabilmente legato alla crescita di Bitcoin: storicamente, quando il prezzo di BTC aumenta, le altcoin seguono il medesimo trend. In genere i trader chiamano questa fase “altseason”, poiché molte altcoin tendono a salire in parallelo.

Come spiegare la correzione di Ether e quale sarà la prossima mossa?

Il prezzo di Ether è salito seguendo il rally di Bitcoin, ma i dati on-chain mostravano anche la presenza di una crisi di liquidità dal lato della vendita.

Nel corso del 2020, le riserve di ETH sugli exchange sono calate fino a raggiungere minimi storici. Questo significa che il numero di ETH disponibili per la vendita sugli exchange è diminuito. Ki Young Ju, CEO di CryptoQuant, ha spiegato:

“Sembra che la contrazione della liquidità dal lato della vendita abbia iniziato a influenzare $ETH proprio come il mercato di $BTC. Per $BTC, le riserve su tutti gli exchange sono diminuite del 31% rispetto a febbraio 2020. Per $ETH, le riserve su tutti gli exchange sono diminuite del 20% rispetto a maggio 2020.”

Tuttavia, nonostante il forte rally a livelli inesplorati da gennaio 2018, Ether ha registrato un brusco pullback. Ci sono due ragioni alla base di questa correzione: il funding rate elevato e grandi ordini di vendita a livelli di resistenza decisivi.

Secondo i dati di Glassnode, il funding rate dei future su Ethereum presenta una media dello 0,2% sui principali exchange. In genere, il funding rate si aggira intorno allo 0,01% quando il mercato dei future non è surriscaldato. Gli analisti di Glassnode hanno commentato:

“I funding rate di Ethereum sono a livelli da record, superando una media dello 0,2% sui principali exchange. #BitMEX è in testa con un funding rate oltre lo 0,4%.”
Funding rate dei future su Ethereum. Fonte: Glassnode

Quando il mercato è prevalentemente costituito da compratori o possessori di contratti long, la probabilità di un long squeeze aumentano.

Il termine long squeeze si riferisce a uno scenario in cui i possessori di contratti long sono costretti a liquidare le loro posizioni in seguito al calo del prezzo di Bitcoin. A sua volta, questo intensifica la pressione di vendita su BTC in un breve periodo di tempo.

Le previsioni dei trader sul futuro di Ethereum

Un trader pseudonimo conosciuto come “Mayne” ha segnalato che Ether è rimbalzato dal livello di offerta settimanale, ovvero il prezzo di ETH all’apertura della candela settimanale lunedì:

“Respinto dall’EQ di offerta settimanale per ora. Avevo previsto che il funding rate sarebbe esploso, sembra che delle scimmie stiano schiacciando il pulsante verde per aprire long con leva. Ho chiuso i miei long con leva per ora.”

In genere, i dati di mercato e on-chain suggeriscono venditori aggressivi stiano forzando i compratori ritardatari fuori dal mercato. Non appena ETH ha superato i 1.100$, il mercato spot ha registrato un aumento degli ordini di vendita.

Alex Wice, uno dei migliori trader nella classifica di FTX, ha condiviso sui social media una posizione short sia su Ethereum che su Bitcoin. Il trader ha espresso simili preoccupazioni in merito al funding rate elevato di Ethereum, suggerendo un imminente reset.