Un ex-ingegnere di SpaceX desidera espandere il proprio exchange LXDX anche ai piccoli trader

Un ex-ingegnere di SpaceX, celebre compagnia fondata da Elon Musk, ha annunciato il lancio di un exchange pubblico di criptovalute da parte della sua nuova azienda: LXDX.

Dopo aver lavorato ai sistemi di propulsione dei razzi di SpaceX, Joshua Greenwald ha rivolto la propria attenzione allo scambio di criptovalute di grado istituzionale. L'uomo ha ora intenzione di espandere le proprie attività anche nel mercato dei piccoli trader.

"Il nostro principale obiettivo sono le criptovalute, permettendo a qualsiasi investitore di utilizzare i nostri strumenti esclusivi, come l'instradamento intelligente degli ordini, precedentemente limitati alle istituzioni", ha spiegato Greenwald.

Ad agosto di quest'anno, poco prima di confermare il trasferimento della compagnia a Malta, LXDX ha ottenuto finanziamenti da svariati investitori: tra questi spicca il Dymon Asia Venture Capital Fund.

Il settore degli investimenti istituzionali si interessa sempre più all'industria delle criptovalute. Anche veri e propri colossi della finanza, come Citigroup e Morgan Stanley, pianificano infatti di offrire ai propri clienti servizi basati sul Bitcoin.

"Le criptovalute sono una classe di asset totalmente nuova", aveva affermato Greenwald ad agosto, al termine del ciclo di finanziamenti:

"Qualora possano essere integrate nell'infrastruttura già esistente, noi vogliamo promuovere tale integrazione [...]. Prevediamo un enorme incremento della tokenizzazione e securizzazione".