Il mercato dei Bitcoin future sul CME ha superato Binance Futures per conquistare il secondo posto tra gli exchange di future su Bitcoin (BTC) in termini di open interest. I dati mostrano che il volume istituzionale sta guadagnando rapidamente una maggiore fetta del mercato crypto.

Il 10 ottobre, Skew ha segnalato che l’open interest del mercato dei Bitcoin future sul CME ha registrato un forte aumento di 1.500 contratti. Da allora, il prezzo di BTC è salito del 9% nel giro di tre giorni sorpassando i 13.000$.

Sembra probabile che l’open interest in aumento dei contratti future su BTC del CME abbia un effetto positivo sul prezzo di BTC. Come rivelato da un recente studio, “i Bitcoin future sul CME contribuiscono maggiormente alla price discovery rispetto ai relativi mercati spot.

Open interest sugli exchange di Bitcoin future. Fonte: Skew

Un chiaro picco di domanda istituzionale per Bitcoin in un breve periodo

Da anni, il mercato dei future su Bitcoin è stato dominato da due operatori principali: BitMEX e OKEx. Nel 2020, le piattaforme di nuova generazione per i future hanno iniziato a espandersi rapidamente, portando Binance Futures, Bybit e Huobi a competere contro organizzazioni del calibro di BitMEX.

Il CME ha lanciato i suoi contratti future su Bitcoin il 17 dicembre 2017. Nel giro di tre anni, si è evoluto fino a diventare il secondo più grande exchange di BTC future per open interest, come indicato da Skew.

Il termine open interest si riferisce alla somma del valore di tutti i contratti future long e short attivamente aperti. Viene utilizzato per stimare l’attività del mercato misurando la quantità di capitale impiegato nel mercato dei future.

I dati forniti da Skew mostrano che ora il CME presenta 790 milioni di dollari in contratti long e short su BTC. La piattaforma resta a soli 19 milioni di dollari da OKEx, l’exchange di future predominante nel corso del 2020.

Il rapido aumento di open interest nel mercato dei Bitcoin future sul CME riflette la crescita della domanda istituzionale per tre motivi principali.

Primo, negli ultimi tre giorni, il volume complessivo nel mercato dei future su Bitcoin è aumentato sostanzialmente. Quindi, l’open interest sul CME è aumentato più di altre piattaforme focalizzate sugli investitori retail, le quali hanno registrato un grande picco di volume.

Secondo, i principali mercati dedicati alle istituzioni, incluso il Bitcoin Trust di Grayscale (GBTC), hanno visto un enorme aumento di afflussi istituzionali. Come segnalato da Cointelegraph, Grayscale ha assistito a una crescita da 300 milioni di dollari negli asset under management (AUM) in un giorno, anche se il rialzo di BTC ne è stata la causa principale.

Terzo, anche il mercato delle opzioni ha raggiunto un volume giornaliero da record, e questo genere di prodotti viene usato prevalentemente da trader a tempo pieno e investitori ad alto patrimonio netto.

La frenesia istituzionale è destinata a continuare?

Diversi investitori di alto profilo come Chamath Palihapitiya, CEO di Social Capital, credono che presto altre banche e istituzioni supporteranno Bitcoin:

“Dopo le notizie di PayPal, ogni grande banca avrà una riunione per decidere come supportare Bitcoin. Non è più opzionale.”

Le istituzioni stanno esplorando Bitcoin principalmente come un bene contro l’inflazione e un’allocazione a lungo termine, come ha spiegato Paul Tudor Jones, investitore miliardario di Wall Street. Gli analisti tecnici affermano che la prospettiva a breve-medio termine rimane ottimista per BTC/USD.

Bitcoin ha registrato la chiusura di una candela giornaliera più alta dal 15 gennaio 2018, quindi il prezzo di BTC è sull’orlo di un breakout su tutti gli intervalli.

Grafico giornaliero di Bitcoin. Fonte: TradingView.com

Come riferito da Cointelegraph, diversi trader hanno sottolineato il proprio ottimismo studiando i grafici logaritmici settimanali e mensili di Bitcoin. Se BTC rimane sopra i 13.000$ alla chiusura settimanale e rimane superiore a 12.500$ fino alla fine del mese, potrebbe rappresentare un breakout tecnico convincente.

La confluenza tra elementi macro e una struttura tecnica favorevole potrebbe intensificare ulteriormente la domanda di Bitcoin mentre le istituzioni iniziano ad accogliere sempre di più la principale criptovaluta.