La piattaforma di trading di Overstock è pronta a dare il controllo dei security token agli investitori

tZero, l'exchange di security token controllato dal colosso dell'e-commerce Overstock, ha cominciato a conferire il controllo dei suoi token agli utenti. Lo rivela una nota inviata agli investitori l'11 gennaio.

Ad agosto, la società aveva annunciato la conclusione della sua Security Token Offering (STO) , terminata dopo aver raccolto 134 milioni di dollari. A giugno, tZero aveva anche firmato un accordo con la società di investimento GSR Capital per l'acquisto dell'equivalente di 160 milioni di dollari in token tZero.

Secondo il comunicato dell'amministratore delegato di TZero Saum Noursalehi, gli investitori hanno ora la possibilità di scegliere dove archiviare i propri security token, in un conto presso Dinosaur Financial Group, un intermediario partner di tZero, o in un wallet personale con sistema di autenticazione a due fattori: 

"Come sapete, il 12 ottobre 2018 abbiamo completato l'emissione dei token di sicurezza tZero. Per i 90 giorni successivi all'emissione, i token sono stati custoditi nei wallet gestiti da tZero per conto dei nostri titolari. Ora che il periodo di lock-up di tre mesi è terminato, è necessario decidere dove archiviare i propri security token. "

La nota specifica inoltre che gli investitori riceveranno "un altro aggiornamento da parte di tZero riguardo l'inizio del trading dei security token", poiché le tempistiche del rilascio di questa feature sulla piattaforma non sono ancora state decise.

L'exchange aveva annunciato il primo prototipo della sua piattaforma di trading ad aprile, con l'obiettivo di creare un modo per commerciare security token godendo di funzionalità come un software di gestione dei rischi e dei sistemi di gestione e corrispondenza degli ordini.

Qualche giorno fa, tZero ha presentato una domanda di brevetto che descrive un "sistema capace di ricevere ordini per il trading di security, token, quote digitali, equivalenti al contante e asset digitali da parte di intermediari e di tradurli in ordini crypto su un exchange digitale".