Polizia confisca 15.000$ in criptovalute a un ladro che ha accidentalmente rivelato la sua identità

La polizia del Connecticut ha catturato un uomo che aveva rubato oltre 15.000$ in valute digitali, incastrato da un'e-mail di scuse inviata per errore ad uno dei detective a capo dell'indagine.

Il ladro in questione è un cittadino del New Jersey che risponde al nome di Darren Carter. Ad aprile, l'uomo ha rubato il telefono cellulare di un cittadino del Connecticut ed ha prelevato 15.472$ in criptovalute dal suo account Coinbase. Secondo il sito di notizie NJ.com, Carter avrebbe poi convertito i fondi in dollari statunitensi, che ha trasferito sul suo conto PayPal.

Il ladro ha deciso di scusarsi con la vittima via e-mail, inviando per errore il messaggio ad uno degli investigatori che indagava sul caso. Al momento dell'arresto, la polizia ha inoltre trovato Carter già in manette nella prigione della contea di Salem, per accuse non correlate alla vicenda. Le autorità hanno recuperato i fondi rubati da PayPal e li hanno restituiti alla vittima.

Crimini crypto in crescita

Ad agosto, come segnalato da Cointelegraph, la cittadina australiana Katherine Nguyen si è dichiarata colpevole di aver rubato 450.000$ in XRP - oltre 100.000 token - nel gennaio del 2018. Nguyen aveva violato l'account e-mail di un uomo con lo stesso cognome.

Sempre questa estate, un ex dipendente di Microsoft è stato arrestato per aver gestito uno schema di furti da 10 milioni di dollari in criptovaluta. Durante i primi sette mesi del suo programma, nei conti bancari del ladro c'erano già 2,8 milioni di dollari.

Come riportato dalla società di sicurezza blockchain CipherTrace, nel 2019 i cyber criminali hanno incassato 4,3 miliardi di dollari da exchange di valute digitali, investitori e utenti. Solo nel primo trimestre del 2019, gli hacker hanno rubato oltre 124 milioni di dollari dagli exchange di criptovalute.