Pompliano ha investito il 50% del proprio patrimonio in Bitcoin: spiega perché durante un'intervista

Durante una recente intervista con Cointelegraph, Anthony “Pomp” Pompliano, fondatore della società per la gestione patrimoniale in criptovalute Morgan Creek Digital Assets, ha svelato maggiori informazioni sulla propria strategia d'investimento e ha spiegato il motivo del suo scetticismo nei confronti del denaro tradizionale.

Quando gli è stato chiesto se investire il 50% del proprio patrimonio in Bitcoin (BTC) non fosse una scelta eccessivamente rischiosa, l'uomo ha spiegato:

"Si potrebbe affermare che anche essere esposti al 100% alle valute fiat sia una cattiva idea, no? Perché se la moneta fiat della quale è composto il 100% del nostro patrimonio dovesse iperinflazionarsi o fallire... in quel caso saremmo in guai grossi."

Pompliano ha sottolineato la necessità per gli investitori di incrementare il proprio livello di diversificazione, e di non fare pertanto affidamento soltanto sul denaro tradizionale. Nel caso specifico di Bitcoin, si tratta della rete informatica più sicura al mondo, e questo a suo parere "incrementa esponenzialmente le probabilità che un giorno Bitcoin diventi la valuta di riserva mondiale". Ha poi dichiarato:

"Storicamente, la nazione con la più grande potenza militare controlla anche la valuta di riserva globale. [...] Gli aspetti che in passato hanno permesso a tali nazioni di controllare la valuta di riserva globale, come superiorità militare e sanzioni economiche, sono divenuti tutto a un tratto meno efficaci [grazie a Bitcoin.]"

Questa settimana, Pompliano ha previsto che Bitcoin riuscirà entro il 2021 a raggiungere un valore di 100.000$:

"Nell'agosto dello scorso anno avevo previsto che Bitcoin sarebbe scivolato a 3.000$ e successivamente tornato a 10.000$. Sostanzialmente è proprio quel che è successo. [...] Ora credo che andrà a 100.000$, ma [...] la volatilità sarà più alta: assisteremo a impennate paraboliche come quella di giugno, e successivamente a correzioni del 20 o 30 percento. Lungo il tragitto, molti annunceranno il raggiungimento dei massimi: si sbaglieranno."