PwC stringe una partnership con una piattaforma di credito decentralizzata che lancerà una stablecoin

La big four PricewaterhouseCoopers (PwC) ha stretto una partnership con la piattaforma di credito decentralizzata Cred, per fornire alla società le competenze necessarie nel lancio della propria stablecoin basata sul dollaro USA. Lo ha rivelato la società in un annuncio pubblicato lunedì 8 ottobre.

Nel comunicato, la compagnia ha affermato che la nuova partnership ha l'obiettivo di potenziare l'attuale mercato delle criptovalute basate sul dollaro statunitense, portando maggiore trust agli investitori.

PwC sta proponendo il proprio servizio come soluzione ai principali problemi associati al mercato delle stablecoin, come la trasparenza e il processo di "verifica", che allontanano un certo numero di investitori dal settore.

Attraverso la partnership, la società ha intenzione di garantire "una preziosa prospettiva su come migliorare gli standard". Il comunicato aggiunge:

"Molti investitori sono alla ricerca di asset cripto ancorati ad una valuta fiat stabile come il dollaro USA, ma questi asset richiedono un reserve ledger per asset decentralizzati in grado di fornire trasparenza al 100% e valore giustificativo."

La società ha inoltre dichiarato che fornirà ai clienti utili informazioni su governance, sicurezza e gestione dei rischi. Grainne McNamara, direttrice del reparto blockchain e criptovaluta di PwC USA, sostiene che la nuova stablecoin darà un'ulteriore spinta ad "un'asset class già in rapido sviluppo".

A fine settembre, il fondo di venture capital Andreessen Horowitz ha investito 15 mln di dollari nella startup blockchain MakerDAO (MKR), la società della stablecoin Dai (DAI) basata sul dollaro USA.

Qualche settimana prima, i gemelli Winklevoss, fondatori dell'exchange di criptovalute Gemini, hanno lanciato la propria stablecoin ancorata al dollaro, con l'approvazione degli organi di regolamentazione dello stato di New York. Successivamente, alcuni esperti di sicurezza hanno sottolineato una caratteristica del "Gemini dollar" (GUSD) che consente al depositario di modificare completamente qualsiasi transazione all'interno della rete GUSD ogni 48 ore.